Casa  

Roma, il popolo di ‘occupopoli’ in protesta

Il Comitato Popolare di Lotta sotto il palazzo della Prefettura chiede un incontro per far fronte all'emergenza casa
Enzo Luciani - 10 Ottobre 2011

"Siamo passati da affittopoli ad occupopoli". Con queste parole il Comitato Popolare di Lotta per la Casa si è radunato questa mattina 10 ottobre sotto il palazzo della Prefettura per richiedere a gran voce un incontro.

"Le 50 famiglie già sgomberate nei mesi scorsi – scrivono in una nota – cercano risposte dalla prefettura che sembra essere l’unico referente della città di Roma. Non è possibile rimandare la questione di queste persone che da mesi sono costrette alla strada nel silenzio assordante mentre vediamo accordata a Casa Pound e i soliti raccomandati soluzioni abitative mentre chi non è affine al sindaco resta nell’incertezza. Per questi motivi le famiglie del Comitato Popolare di Lotta per la casa continueranno a presidiare notte e giorno le istituzioni in cerca di risposta. A questo punto non ci resta che pensare che dopo Parentopoli e affittopoli siamo arrivati al nuovo fenomeno di “Occupopoli”. 

Dopo aver subito due sgomberi, quello a via delle Medaglie d’Oro e a quello a via Tuscolana 1113, il popolo di ‘occupopoli’  ha deciso di tenero duro ed ottenere delle risposte. «Non ce ne andremo da qui – spiegano – passeremo la notte nelle tende in piazza se necessario. Strada per strada, allora preferiamo stare qui". 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti