Rubinstein primo concerto alla Biblioteca Nardi

L'11 novembre 2011 per l'apertura della stagione 2011-2012 della scuola di musica di Colli Aniene
di Federico Carabetta - 8 Novembre 2011

Venerdì 11 novembre 2011 è una data memorabile per gli appassionati di buona musica che da anni seguono e si sono affezionati alla Scuola di musica dell’Associazione Anton Rubinstein di Via Ernesto Rossi a Colli Aniene. L’evento sarà altresì ricordato dagli assidui frequentatori della Biblioteca comunale di casale Nardi, in Via Grotte di Gregna, perché per la prima volta la Scuola di Musica aprirà la sua Stagione musicale con un Concerto proprio alla Biblioteca comunale di Casale Nardi.

Per l’occasione sarà anche inaugurato un pianoforte ¾ di coda messo a disposizione da “Mancini pianoforti di Ciampino” suonato dalle abili mani dei maestri della Rubinstein
Si esibiranno anche gli altri docenti della scuola che si alterneramno oltre che al pianoforte, al canto lirico, alla chitarra classica e jazz, al sassofono e all’arpa.

La storia della Rubinstein  risale in qualche modo agli anni ’90 allorquando a Colli Aniene e dintorni c’era quasi nulla che avesse una parvenza di culturale, tranne che la presenza dello studio-laboratorio del Maestro scultore Alfiero Nena. E fu proprio in quel grande capannone riattato, sede del Centro Culturale Fidia, che la giovanissima Sara Matteo (pianista e futuro Direttore Artistico della Scuola di Musica Anton Rubinstein), ancora allieva di pianoforte a Santa Cecilia, cominciò ad esibirsi in concerto. Nello stesso capannone l’Associazione Fidia, teneva i suoi importanti incontri culturali con poesia, teatro, musica, presentazione di libri, commemorazioni.

I concerti di Sara Matteo presero subito ad essere chiamati i “concerti del venerdì” a via del Frantoio, al cancello a fianco a quello dei Vigili Urbani al calore di una stufa a carbone che terminavano sempre molto cordialmente e direi familiarmente “a tarallucci e vino”! Di concerto in concerto (almeno un centinaio!) passarono gli anni ’90 fino ad arrivare al 2003 quando fu fondata l’Associazione “Anton Rubinstein” con la sua Scuola di musica di Via Ernesto Rossi,16. Man mano quei concerti del venerdì si trasferirono in quella sede più consona anche se più piccola di quella del Fidia. Infatti il locale era riscaldato e, cosa fondamentale, disponeva di un fantastico pianoforte da concerto.
Da quel momento gli appassionati di musica classica, sinfonica e lirica del V municipio hanno avuto un luogo più confortevole per godersi un concerto un ricco ed interessante con un cartellone che anno dopo anno, nulla ha avuto da invidiare a quello delle sedi canoniche più famose.
L’unica nota dolente in questa bella pagina di operosa attività tutta privata, è che purtroppo i locali della Rubinstein diventavano, di concerto in concerto, sempre più insufficienti per l’aumento degli appassionati che li frequentavano. Allora i nostri lettori hanno cominciato a chiedersi e a chiederci: perché non invitare la Rubinstein a casale Nardi? Perché il luogo culturale per eccellenza del V Municipio tanto atteso negli anni, non può ospitare dei concerti?
In verità, non appena abbiamo chiesto alla Rubinstein e alla Direttrice della Biblioteca dott.ssa Daniela Facchini l’interessamento al problema c’è stata una risposta tempestiva ed entusiasta. Tanto che nel giro di poco tempo è già stata fissata la data del prossimo concerto per l’11 novembre. Si tratta del concerto d’apertura dell’Anno 2011/12 dell’Associazione Anton Rubinstein che vedrà esibirsi i maestri della Scuola di Musica di Via Ernesto Rossi. Perché non prima? Il perché non è di poco conto. La Biblioteca ha un suo orario di apertura e di chiusura piuttosto rigido che non consente di mantenere il personale impegnato fino a tarda sera. La deroga per questa manifestazione è stata possibile grazie ad un progetto finanziato e già attivo che prolunga l’attività della biblioteca oltre l’orario canonico una volta la settimana.
Speriamo che il progetto sia confermato per gli anni a venire. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti