S.Basilio, Alemanno contestato

Un gruppetto di cittadini ha atteso il sindaco all'uscita dall'incontro con la vedova del pensionato morto dopo essere stato investito da uno scippatore
di Marco Rollero - 27 Settembre 2011

"Buffone buffone! Ci doveva scappare il morto per farti venire a San Basilio". Queste le parole con cui un gruppo di cittadini del posto, una decina, ha apostrofato il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, all’uscita dall’incontro di ieri Lunedì 26 Settembre 2011, con la signora Anna Lupparelli, vedova di Ennio, il 68enne morto dopo essere stato investito da uno scippatore. Le persone hanno bloccato la stradina per qualche minuto. "Siamo stufi", ha urlato una donna, "venite a fare le passerelle, le sfilate…" Le frasi sono state accolte con un applauso da altri residenti della zona.

"La settimana prossima ci sarà un incontro tecnico per individuare un programma e poi ci sarà un’assemblea qui in quartiere a cui parteciperò io per darci un programma preciso per combattere contro il degrado e contro tutte le difficoltà del quartiere". Così ha dichiarato il sindaco durante la visita. "E’ giusta la reazione rispetto ai criminali – ha aggiunto Alemanno – ma bisogna fare azioni sociali e urbanistiche per liberare il quartiere dal degrado.

"La contestazione al sindaco nasce da un fatto ormai acquisito – ha affermato poi il segretario romano del Partito democratico, Marco Miccoli – Roma e i romani sono stanchi delle tante promesse non realizzate da parte di questo sindaco, a cominciare da quelle sulla sicurezza. Ricordiamo ancora quando Alemanno nel 2008 promise una città a tolleranza zero e con la criminalità sconfitta. I risultati fallimentari sono oggi sotto gli occhi di tutti. A Roma c’e’ un emergenza criminalità mai vista prima a cui si somma una crisi economica drammatica. A questo si aggiunge una città sempre più invivibile ed un sindaco che ormai pensa solo a tornare nell’agone politico nazionale. Insomma un bilancio fallimentare e i romani non ne possono più e per questo contestano Alemanno".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti