San Basilio, anziano in fin di vita per difendere moglie da scippatore

I malviventi hanno investito l'uomo che tentava di recuperare la borsa della moglie
Enzo Luciani - 21 Settembre 2011

Un uomo, di 68 anni è in finito in ospedale, in gravissime condizioni, per aver difeso la moglie da uno scippo avvenuto nel quartiere di S. Basilio. L’anziano signore è stato travolto dall’auto dello scippatore che ha tentato di investirlo in retromarcia.

L’autore del furto è stato arrestato. Si tratta di un 33enne pregiudicato. Su di lui pendono ora le accuse di rapina e tentato omicidio. Il 68enne, invece, è ricoverato in fin di vita all’ospedale Pertini.

“Roma è fuori controllo – commenta il consigliere del PD capitolino Dario Nanni membro della commissione sicurezza.- L’ultima tragedia che si è consumata ieri sera a San Basilio conferma il progressivo venir meno della tutela dei cittadini romani. Nonostante l’impegno importante che ancora ieri hanno profuso con successo Carabinieri e Polizia l’ondata criminale che affligge da mesi la capitale non si arresta. Piccole gang, affiliati alle organizzazioni malavitose e a le varie mafie nazionali e internazionali sembrano aver scelto Roma come terreno di confronto sul controllo del traffico della droga.

La strategia del Campidoglio registra un secco fallimento. In oltre tre anni ordinanze inutili, contrasto della prostituzione e installazione di videocamere non hanno prodotto risultati apprezzabili anzi si registra un consistente incremento di delitti e fatti criminosi. Il controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine è venuto progressivamente diminuendo a causa della riduzione degli organici e dei mezzi a disposizione. E’ venuto meno l’impegno civico e di volontariato di tante associazioni e cooperative sociali e comitati dei cittadini non più sostenuti dall’amministrazione Capitolina. L’assenza di iniziative di prevenzione e il mancato impegno nelle periferie, dimenticate da Alemanno, hanno creato l’humus fecondo su cui prospera il crimine organizzato”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti