Farmacia Federico consegna medicine

Via delle Chenzie, un lago d’acqua

I residenti costretti a vivere nel totale disagio ogni volta che c'è maltempo
di Agostina Delli Compagni - 6 Novembre 2013

Martedì 5 novembre la pioggia ha inondato via delle Chenzie a Centocelle. Ma non è la prima volta. Nei giorni di maltempo i residenti si ritrovano puntualmente a vivere nel totale disagio. La strada si trasforma in una sorta di conca che raccoglie l’acqua della via in questione e non solo. Arriva anche l’acqua da via dei Platani e da via delle Robinie. Sì, perché il manto stradale non è regolare. E le conseguenze non tardano a manifestarsi: immondizia, ratti, odore nauseabondo e blocco totale della viabilità.

Via delle Chenzie, un lago d’acqua_Centocelle_MunicipioV_04112013 (foto2)I residenti non possono così uscire da casa né tantomeno prendere l’auto. «Vivo qui dal 1981 e la situazione non è mai cambiata -spiega Domenico, residente in via delle Chenzie – A volte è necessario l’intervento della protezione civile perché i garage e gli ascensori si allagano. Se l’acqua arriva a una certa altezza, un ragazzo disabile che vive di fronte al mio palazzo rimane letteralmente segregato in casa. Chi deve uscire è costretto ad arrampicarsi sui muretti oppure cammina nell’acqua putrefatta. E il disagio si protrae come minimo una settimana e delle volte anche per quindici giorni».

E non solo. In alcune ore della giornata i residenti sono costretti a vivere con le finestre chiuse a causa dei fumi provenienti da una carrozzeria adiacente. «Qui, ci sono anche famiglie con i bambini. –aggiunge il residente- E’ nocivo per la salute e non è piacevole stare spesso con le finestre chiuse, soprattutto durante le belle giornate».

Nel 2012 è stato depositato un progetto all’ufficio tecnico dell’ex Municipio VII per risolvere il problema della strada. Ma sono state vaghe le risposte ottenute fino ad oggi dai residenti. «L’ex presidente del nostro Municipio –sottolinea Domenico- aveva promesso che sarebbe passato con i vigili per esaminare la situazione ma non è mai successo». Alcune settimane fa il confronto con Giammarco Palmieri, presidente del Municipio V. «Ha detto –conclude il residente- che era allo scuro di questa vicenda ma ne terrà conto. Noi residenti chiediamo la messa in opera di una semplice griglia per la raccolta dell’acqua che arrivi su viale Palmiro Togliatti. E il livellamento della strada. Questa situazione di abbandono deve finire».


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti