Categorie: Politica

Roma Capitale partecipa alle celebrazioni del Capodanno cinese

Celli: "Roma è sempre stata una città inclusiva e vuole continuare a esserlo"

La Presidente dell’Assemblea capitolina Svetlana Celli ha partecipato, su delega del sindaco Gualtieri, alle celebrazioni del Capodanno cinese a Piazza Vittorio Emanuele II, promosse dalle Associazioni della Comunità cinese di Roma.

“Siamo in un luogo simbolo di una città multiculturale e multietnica, per festeggiare il Capodanno Cinese e testimoniare la nostra vicinanza e il nostro abbraccio alla vostra comunità. Una festa che è un tripudio di colori, gioia e musica con un programma di iniziative davvero bello e significativo e tra l’altro aperto a tutti”, così la presidente Celli nel corso del suo intervento di saluto” ha dichiarato Celli.

È una festa che accomuna tante persone in molte parti del mondo e che ha una storia e una tradizione antica, espressione di una cultura millenaria e dell’identità di un popolo di cui oggi abbiamo l’onore di accogliere una comunità così vasta, integrata ed operosa. A Roma abbiamo tante persone inserite nel mondo del lavoro, nel commercio, nell’impresa – ha sottolineato ancora la Presidente dell’Assemblea capitolina – che sono parte del tessuto sociale ed economico e contribuiscono al suo sviluppo. Basti pensare ad un dato: tra i ragazzi di origine cinese iscritti nelle scuole di Roma, oltre l’80% è nato in Italia”.

Quello che si apre è L’anno del Drago, sinonimo di potere magnanimo, forza ed armonia: “Elementi e qualità che il popolo cinese e la vostra comunità rappresentano e trasmettono orgogliosamente – ha aggiunto Celli – Roma è sempre stata una città inclusiva e vuole continuare a esserlo, vivendo in armonia con tutte le componenti che contribuiscono alla sua crescita e soprattutto con chi, come voi, ha dimostrato di sapersi integrare al meglio. Perché la ricchezza è fondata sulle differenze. Siamo consapevoli che momenti come questo servono a rinsaldare l’amicizia tra i popoli, a superare barriere e pregiudizi. La conoscenza e la contaminazione tra le nostre culture sono molto utili per rafforzare il rispetto reciproco.  E Roma, Capitale d’Italia, che da sempre è attenta alla promozione delle relazioni e della cooperazione internazionale, è disponibile a fare in pieno la propria parte“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati