Aggressione alla Croce Rossa Italiana

10 uomini hanno fatto irruzione nella sede di via Ramazzini per contestare la presenza della CRI nei Centri di identificazione ed espulsione degli immigrati clandestini
Enzo Luciani - 21 Settembre 2009

La mattina del 21 settembre, il Comitato provinciale di Roma della Croce Rossa, in via Ramazzini, è stato oggetto di un attentato. 10 persone con i volti coperti da passamontagna, giunti a bordo di macchine e moto, hanno fatto irruzione nel Comitato lanciando volantini contro la presenza della CRI nei Centri di identificazione ed espulsione degli immigrati clandestini, hanno imbrattato l’ingresso della sede e un mezzo del Cem (Centro di rieducazione motoria) con vernice rossa e malmenato un vigilante che aveva tentato di opporsi.

"Voglio esprimere la mia personale solidarietà e vicinanza alla Croce Rossa Italiana per il vile attacco che ha subito questa mattina". È quanto dichiara il sindaco di Roma, Gianni Alemanno sull’episodio. "È inaccettabile che si colpisca un’istituzione come la Cri che quotidianamente è accanto agli ultimi e ai bisognosi e che è pronta ad accorrere con celerità ovunque ci sia bisogno. La città di Roma è grata a tutti i volontari che con dedizione portano avanti compiti fondamentali, a partire dal prezioso lavoro svolto nei Cie".

Solidarietà ai volontari della CRI anche da parte del PD in Campidglio: "Nel chiedere che si faccia immediata chiarezza sull’accaduto – dichiara il capogruppo Marroni – e si arrivi al più presto all’individuazione dei responsabili autori di un azione che condanniamo decisamente, ribadiamo però la nostra critica alla politica del governo sull’immigrazione e all’uso ingiustificabile di luoghi di segregazione preventiva come i Centri di identificazione ed espulsione.
L’aggressione di questa mattina segnala peraltro, ancora una volta, il grave deterioramento del clima politico nella nostra città. Un clima che negli ultimi mesi si è andato sempre più aggravando con le ripetute aggressioni omofobe, xenofobe e a sedi politiche”.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti