Lavoro  

Bando del Comune di Roma per il finanziamento di imprese giovanili

Stanziato un milione di euro per 25 progetti
Enzo Luciani - 8 Agosto 2011

Il Comune di Roma ha stanziato un milione di euro per finanziare le idee e il protagonismo dei giovani.

Ne ha dato annuncio l’assessorato capitolino alla Famiglia e alle politiche giovanili che ha pubblicato nei giorni scorsi quattro nuovi bandi destinati ai ragazzi.

Il bando principale prevede la creazione di 25 nuove imprese giovanili, che offrano servizi al territorio e che saranno realizzate con un contributo a fondo perduto di euro 40.000 ciascuna. 

Per l’assessore alla Famiglia, all’Educazione e ai Giovani, Gianluigi De Palo "creare delle interessanti opportunità per i giovani sia una risposta possibile a questo fenomeno. I giovani non possono essere considerati solo come un problema per la città, sono una risorsa. Dobbiamo imparare a parlarne oltre che al futuro, anche al presente. Attraverso questi bandi vogliamo invitarli a riprendersi il proprio spazio in città, a ridiventare protagonisti.".

Il testo completo dei quattro bandi può essere letto sul sito istituzionale del Comune di Roma (http://www.comune.roma.it).

Il più importante, cofinanzato dalla regione Lazio, è il banco «Roma Capitale dei Giovani: Nuove idee d’Impresa per il bene comune» che intende promuovere e sostenere lo sviluppo di progetti di creazioni di impresa per favorire l’occupazione dei giovani e lo sviluppo economico del territorio. Sono disponibili 40mila euro per 25 proposte.

Il secondo è «eSPORTiamo buoni comportamenti» vuole selezionare progettualità specifiche volte a promuovere la crescita tra i giovani della cultura sportiva, il rispetto dei beni di terzi e della collettività, il contrasto delle discriminazioni e della violenza (stanziamento di 48mila euro).

Il terzo è un bando (60mila euro) per progettazione e realizzazione Portale Web tematico per la diffusione tra i giovani dei valori di contrasto alla violenza, volto a favorire la comunicazione, il dialogo, l’orientamento e lo scambio tra i giovani.

Adotta Abitare A

In fine c’è anche un bando di concorso «Voci della periferia: alla riscoperta delle tradizioni attraverso la musica». per il riconoscimento del valore artistico, culturale e socio-economico della musica popolare, espresso dalle formazioni (band) e produzioni di giovani artisti esordienti.

"Ai primi di ottobre, con la scadenza dell’ultimo bando, potremo fare una valutazione sulle idee pervenuteci – conclude De Palo – Ho fiducia nei giovani. Ci aspettiamo quindi tanti e idee e tanti progetti al servizio della città."

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti