Caliste: “La sicurezza è un tema serio. Basta con le strumentalizzazioni”

Comunicato stampa - 14 Settembre 2022

“È triste constatare che ad ogni campagna elettorale, il centro destra decida di strumentalizzare le preoccupazioni dei cittadini  cavalcando il tema della sicurezza. Salvo poi, avuta l’opportunità al Governo nazionale, non mettere in atto nessuna delle promesse fatte.

Nel Municipio V esistono innegabilmente dei quartieri più difficili, a causa della presenza delle aree di spaccio, le cosiddette “piazze”.  Da quando ci siamo insediati, pur non avendo competenza diretta sulla pubblica sicurezza, abbiamo messo in campo diverse azioni per contrastare la presenza delle attività illecite in queste aree, densamente frequentate nelle ore serali e nel week- end.

Abbiamo immediatamente attivato l’Osservatorio per la Sicurezza territoriale, in collaborazione con tutte le Forze dell’ordine e la Prefettura. Ad ogni riunione, abbiamo sostenuto e valorizzato le istanze dei cittadini per poter ottenere una maggiore presenza delle Forze sul territorio e l’arrivo di un numero più ampio di telecamere. Come ho più volte esposto ai cittadini e alla stampa, il tema della sicurezza è una cosa che prendiamo molto seriamente, come Amministrazione municipale ci mettiamo quotidianamente la faccia, e andiamo spesso oltre i limiti e le possibilità riconosciute dal nostro mandato di ente territoriale.

Sono stati stretti accordi con realtà sociali come la fondazione Villa Maraini, per la raccolta delle siringhe usate e l’aiuto alle persone con dipendenze. Come da noi richiesto ormai da giorni, il prossimo 28 settembre l’Osservatorio si riunirà e nuovamente porteremo all’attenzione della Prefettura il tema dei quartieri con maggiori criticità. L’attenzione da parte nostra è massima e quotidiana, ci troviamo spesso in prima linea per cercare di ottenere il più possibile dalle riunioni dell’Osservatorio, per tutelare i cittadini e rendere più scuri i quartieri.

 Lo dichiara in una nota,  Mauro Caliste, presidente del Municipio Roma V.

Macelleria Colasanti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti