Casa FIPAV Lazio con Sabbi, Barboni, Antonucci e Moni

Tra sogni azzurri e ripartenza
Aldo Zaino - 1 Giugno 2020

La sesta puntata di “Casa FIPAV Lazio” ha trattato il tema della ripartenza dell’attività e del protocollo stilato dalla Federazione Italiana Pallavolo. Attraverso le storie di due campioni della nostra regione, Giulio Sabbi e Arianna Barboni, nel talk show della Pallavolo Laziale in diretta Facebook si è parlato anche di pallavolo giovanile e di strategie messe in atto dal CR Lazio per rispondere alla crisi, grazie ai contributi del selezionatore del CQR maschile Matteo Antonucci e del consigliere, ex presidente della Fipav Latina, Massimo Moni.

“È un momento difficile per tutti – ha spiegato Moni – stiamo cercando delle soluzioni per salvare il nostro mondo e rilanciarlo. Il Comitato ha incontrato tutte le società e il piano d’intervento della FIPAV a sostegno della base nascono proprio dalle istanze del territorio.

Per ora non possiamo che rispettare le linee guida e i protocolli, nell’attesa che la situazione torni presto alla normalità”.

Laboratorio Analisi Lepetit

“Sto fremendo per tornare ad allenarmi sulla sabbia – ha dichiarato Barboni, nazionale di beach volley – io sono cresciuta a Sperlonga, i miei genitori hanno uno stabilimento lì dove spesso si è giocato anche l’Ics Beach Volley Tour Lazio, e ovviamente la nostra disciplina può rappresentare un segnale di speranza. Io sono già proiettata ai prossimi impegni: il grande sogno è arrivare alle Olimpiadi di Tokyo nel 2021, poi ci sarà il Mondiale”.

Guarda al futuro (e all’azzurro) anche Giulio Sabbi, tornato in Italia dopo l’esperienza in Cina. A Shanghai ha vissuto la prima fase dell’emergenza coronavirus, per poi ritrovarsi in quarantena anche al suo ritorno nel nostro Paese. “Ho vissuto due quarantene, non è stato facile per me e la mia famiglia – ha raccontato – ora mi sto allenando a casa, ma non è la stessa cosa…”.

Nella prossima stagione l’opposto di Zagarolo giocherà nuovamente nel Lazio. Ha scelto il progetto della Top Volley Cisterna: “La Superlega mi mancava, trovo un campionato di livello ancora più alto rispetto a quando sono andato via. Sono felice di essere a Cisterna, con il direttore Candido Grande ci siamo cercati spesso in questi anni e finalmente posso giocare per questa grande squadra. Faremo una stagione al top. La Nazionale? Ovviamente ci credo, quando sento l’inno mi vengono i brividi e sarebbe fantastico tornarci”. Barboni e Sabbi hanno dato tanti consigli ai giovani che amano la pallavolo.

Alcuni, i più talentuosi, fanno parte della selezione regionale che Antonucci ha iniziato a guidare quest’anno. Il CQR stava facendo grandi progressi prima che l’emergenza sanitaria interrompesse il percorso. “Siamo già proiettati al prossimo Trofeo delle Regioni. Per fortuna i ragazzi non perderanno un anno e riprenderemo con ancora più convinzione. Mi auguro che presto si possano organizzare dei collegiali per ritrovarci e riprendere il filo interrotto. In questi mesi io e il mio staff siamo rimasti a contatto con le società e con gli atleti. Il nostro lavoro di reclutamento e valorizzazione del territorio non si è mai fermato”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti