Laboratorio Analisi Lepetit

Chiude il presidio sanitario di via Manfredonia al Quarticciolo

La Asl RmB alla disperata ricerca di locali
di A.M. - 3 Ottobre 2012

L’8 ottobre è una data che con molta probabilità i residenti del Quarticciolo e non solo ricorderanno per un pezzo. La Asl Rm/B ha deciso di chiudere lo storico presidio sanitario di via Manfredonia 43.
Da ex Condotta Medica e unico approccio con il Medico per tutti coloro che non godevano della copertura sanitaria da parte degli Enti Previdenziali (Mutue) che operò dall’immediato dopoguerra fino alla riforma sanitaria che istituiti il Servizio Sanitario Nazionale nel 1979, ad ambulatorio specialistico e consultorio familiare… una parabola discendente che come detto terminerà l’8 ottobre.

Tra i motivi ci dicono dall’Azienda Sanitaria, ci sono quelli non secondari della non idoneità dei locali. Privi di ascensore e con scale di accesso strette e quindi non conformi alle disposizioni di legge, proprio come i locali del poliambulatorio di piazza dei Mirti 42 che finalmente tra alcuni mesi, grazie anche alla lungimiranza del Municipio Roma VII si trasferirà nei locali della ex Tommaso Grossi a ridosso della chiesa di S. Felice da Cantalice.

La Asl Rm/B ha seria e urgente necessità di reperire locali idonei per conservare la possibilità di continuare ad offrire servizi sanitari di qualità.
A tracciarci un quadro purtroppo in chiaroscuro della situazione alloggiativa dei servizi sanitari presenti sul territorio del Municipio Roma VII è Antonio Maracino, ex presidente della 7° Circoscrizione e oggi referente del Direttore Generale della Asl RmB, il dr. Vittorio Bonavita.
Maracino ci parla di un Laboratorio di Analisi Cliniche centralizzato in corso di realizzazione all’interno dei locali ex Enaoli di via di Torre Spaccata e il contemporaneo aumento dei centri prelievo. Ovviamente per quanto riguarda il Municipio Roma VII stiamo lavorando sulla ristrutturazione della ex scuola T. Grossi, ma purtroppo siamo in difficoltà nel reperire idonei locali per trasferirvi il servizio Sat, che dice Maracino non può subire, visto la particolare utenza, un eccessivo decentramento.
Ci parla di un potenziale poliambulatorio che da anni gode di un finanziamento già erogato (con scheda aperta) di oltre 6 milioni di €uro e che doveva essere costruito attraverso una convenzione con il privato in via Carlo Buttarelli a Tor Tre Teste. Un progetto che ha subito uno stop, si spera momentaneo e risolvibile, in quanto il vincitore del bando non ritiene più remunerativo al progetto lo stanziamento accordato dalla Regione Lazio. Purtroppo continua Maracino sono tempi di magra e la situazione di bilancio non ci consente di rivedere al rialzo il progetto.
Sfortunatamente ha concluso Maracino abbiamo la disponibilità di diverse unità immobiliari, come ad esempio la ex Condotta Medica di via di Tor Cervara 309 non idonei alla realizzazione dei progetti aziendali, ma che visto anche il loro valore commerciale potremmo utilizzarle "dopo valutazioni dell’Ute" per cambi utili ai nostri progetti.

Al di la comunque delle ambizioni e dei progetti in campo l’8 ottobre ci sveglieremo con la chiusura di un altro servizio Pubblico, il Consultorio Familiare di via Manfredonia 43.

Nelle foto il cartellone con il progetto del poliambulatorio di via Carlo Buttarelli e l’area allo stato attuale.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti