IDI, Vannini (Pdl), sblocco dei fondi? Che non sia solo una goccia nel mare

Enzo Luciani - 4 Dicembre 2012

“Lo sblocco dei fondi per l’emergenza che ha investito il gruppo Idi-San Carlo di Nancy-Villa Paola è arrivato, dopo un assiduo lavoro portato avanti in sinergia con il senatore Domenico Gramazio, ma per noi ancora non è abbastanza”.

Così Alessandro Vannini, consigliere comunale Pdl, commenta la possibilità di un primo sblocco delle risorse per le tre strutture sanitarie giunte ormai al collasso.
“Stando all’impegno preso tra il commissario ad acta, Enrico Bondi, e i sindacati – spiega Vannini – ai 1800 lavoratori rimasti senza stipendio da 4 mesi verrà corrisposto solo il pagamento della produzione a partire dal 24 ottobre in poi. Sono decisamente preoccupato per le sorti del personale e degli ospedali stessi: l’intervento sarebbe dovuto essere risolutivo e non solo di facciata. In questo modo restano invece sospese ancora 3 mensilità”.

“Se l’intesa raggiunta oggi non dovesse avere ulteriori sviluppi a breve termine, rappresenterebbe solo una goccia nel mare: le famiglie infatti sono al collasso e chiedono, oltre che una giusta e puntuale retribuzione, anche garanzie per il futuro dei tre ospedali che rischiano di chiudere i battenti per sempre. In questo caso si andrebbe a depauperare il servizio sanitario regionale di tre strutture altamente specializzate e qualificate, provocando così enormi disagi a tutti i cittadini romani”.

Lo dichiara in una nota Alessandro Vannini, consigliere comunale Pdl. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti