Sport  

Il Salisburgo fa bottino pieno in casa della Lazio

Uno due degli austriaci nel finale. La Lazio perde ancora, stavolta in una gara europea
di Marco Piervenanzi - 19 Settembre 2009

Sfortunata ancora la Lazio che perde 1-2 per un gol beffa da parte del Salisburgo il 17 settembre allo stadio Olimpico. Gli ospiti trovano il gol della vittoria a pochi minuti dal termine della gara di Europa League. A dir il vero è sembrata una punizione troppo severa per una condotta di gara comunque non entusiasmante. Eppure la Lazio era riuscita a segnare con un gol di Foggia entrato a partita iniziata e che aveva centrato la porta da lontano sorprendendo il portiere.
I tifosi si erano rincuorati vedendo la propria squadra in vantaggio. Ma la gioia era destinata a durare poco. Negli ultimi minuti in sequenza pari e vittoria degli austriaci.

Tensione non idonea all’impegno di coppa, squadra stanca, Zarate non proprio incisivo, sbavature difensive e qualche incertezza tattica forse i motivi dello stop nella prima sfida europea del torneo.
L’atteggiamento è sempbrato essere un po’ troppo rinunciatario e fa sospettare che il mister inizi a dubitare del suo organico. Occorre pazientare.

IL TABELLINO (Fonte: lalaziosiamonoi.it):

Lazio (4-3-1-2): Bizzarri, Lichtsteiner, Diakitè, Cribari, Radu; Dabo (46’ Foggia), Baronio, Matuzalem; Meghni (70’ Eliseu); Cruz (62’ Mauri), Zàrate. A disp. Muslera, Siviglia, Faraoni, Perpetuini. All.: Ballardini

Salisburgo (4-1-4-1): Gustafsson; Schwegler, Sekagya, Afolabi, Ulmer; Schiemer; Tchoyi, Prokrivac (63’ Cziommer), Leitgeb (72’ Vladavic), Svento (80’ Nelisse); Janko. A disp: Arzberger, Dudic, Opdam, Augustinussen. All. Stevens

Arbitro: Ennjimi (Fra)
Marcatori: 59’ Foggia, 81’ Schiemer, 93’ Janko
Recupero: 1’pt; 3’st
Note. Ammoniti: Schiemer, Cruz, Mauri, Zàrate, Schwegler. Spettatori: 15.000 circa


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti