Incendio discarica in via Teano e gestione rifiuti

L’area che ha preso fuoco ricade all’interno del Comprensorio archeologico AD duas lauros, tutelato da vincolo paesistico
Wwf Roma e Area Metropolitana Gruppo Pigneto-Prenestino - 27 Giugno 2019
Riceviamo e pubblichiamo 
Abbiamo appreso in data odierna dell’avvenuto incendio di una discarica abusiva in cui erano presenti varie tipologie di rifiuti, all’interno di un’area privata in Via Teano al Prenestino (Municipio Roma 5). L’incendio si è sviluppato per parecchie ore e lo spegnimento ha reso necessario l’intervento di numerose squadre dei Vigili del Fuoco. Una nube maleodorante si è stesa nel corso della notte tra il 26 ed il 27.6.2019 nei quartieri circostanti.
L’area in cui era presente la discarica che ha preso fuoco, dando origine ad uno dei tanti roghi che ormai quasi quotidianamente colpiscono il settore orientale della periferia romana, ricade all’interno del Comprensorio archeologico AD duas lauros, tutelato da vincolo paesistico apposto con D.M. 24.10.1995.
È necessario che tutte le istituzioni preposte svolgano il necessario controllo del territorio, al fine di prevenire la formazione di discariche incontrollate di rifiuti vari e il conseguente sviluppo dei roghi, a partire dalle aree tutelate da vincolo paesistico ed archeologico e prossime alle abitazioni civili.
La situazione della raccolta dei rifiuti urbani nella città di Roma pone altresì il problema del contenimento della produzione degli stessi, attraverso una politica che ne incentivi la riduzione (in particolare degli imballaggi) e favorisca il riuso degli oggetti, nonché attraverso lo sviluppo capillare della raccolta differenziata porta a porta, funzionale anche a togliere i cassonetti dalle strade che sono delle vere e proprie microdiscariche a cielo aperto, la cui presenza è incompatibile non soltanto con il decoro che una capitale europea dovrebbe avere, ma anche con una corretta gestione del ciclo stesso dei rifiuti.

Wwf Roma e Area Metropolitana Gruppo Pigneto-Prenestino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti