Sport  

La Lazio lavora, pareggia e attende un centrale per Pechino

Pari in amichevole con l’Universitatea Craiova il 18 luglio ad Auronzo di Cadore
di Marco Piervenanzi - 20 Luglio 2009

Il 18 luglio ad Auronzo di Cadore la Lazio in amichevole contro l’Universitatea Craiova non è andata oltre un 1-1 per via dei gol segnati nel secondo tempo dal laziale Scaloni e da Baird.

Ecco le formazioni schierate nell’amichevole:
Lazio primo tempo: Muslera; Lichtsteiner, Radu, Siviglia, Kolarov; Ledesma, Brocchi; Foggia, Mauri, Zarate; Rocchi.
Lazio secondo tempo: Bizzarri, De Silvestri, Cribari, Rozenhal, Scaloni, Dabo, Firmani, Eliseu, Correa, Pandev, Inzaghi.

Ballardini continua a sperimentare il 4-2-3-1 schierando due formazioni. Al neo tecnico piace giocare con i due giocatori davanti alla difesa, tre centrocampisti offensivi ed una sola punta davanti. Questo modulo piace ai centrocampisti destinati per caratteristiche all’offensiva: Foggia, Zarate, il neo acquisto Eliseu, Mauri e Pandev. Questo perché probabilmente sanno di poter contare sulla disponibilità fissa di tre posti grazie al modulo ed anche perché quello dell’ex allenatore del Palermo sembra poter garantire allegria, gioco e spettacolo.

Sul fronte mercato da registrare possibili aperture circa Ledesma e De Silvestri. Ma è ancora tutto in stand-by. Dipenderà dal mercato in uscita anche se occorrerà sbrigarsi per il centrale di difesa.

Un commento invece all’operato di Lotito, presidente capace di dividere la piazza ma al tempo stesso apprezzabile quando si oppone con veemenza a chi vorrebbe portargli via i giocatori a prezzi più bassi del valore di mercato o quando rifiuta il rialzo dei prezzi nelle trattative di acquisto di un giocatore. Tuttavia a parte Bizzarri ed il portoghese Eliseu, ad oggi non registriamo altri acquisti.

La piazza tace, forse i tifosi sono quasi tutti al mare. Qualcosa però bisognerà aggiustare, la difesa merita rinforzi. All’orizzonte c’è Pechino, una sfida italiana, contro i nerazzurri, un appuntamento che diventa una vetrina internazionale. Sarebbe un peccato fare brutte figure.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti