Categorie: Politica
Municipi: , | Quartiere:

L’ex sindaca Virginia Raggi torna all’attacco sulla funivia di Casalotti

L'ex sindaca ha difeso e rivendicato il progetto, attaccando l'attuale primo cittadino

Certo non si può dire che l’ex sindaca di Roma Virginia Raggi sia mai stata arrendevole. Non lo era quando era al timone del Campidoglio pentastellato. Non lo è ora, nel momento di difendere una delle opere per cui era finita nel mirino delle opposizioni quando era prima cittadina. Torna infatti l’argomento di discussione, la funivia di Casalotti. Progetto ambizioso per la zona nord-ovest di Roma voluto da Virginia Raggi e accantonata da Gualtieri.

La funivia: 

La funivia è stata da sempre una bandiera della Raggi l’avrebbe voluta pronta già nel 2021. L’infrastruttura coprirebbe circa 4 km di territorio, collegando Casalotti a Battistini e trasportando fino a 3600 passeggeri l’ora. Il costo totale? Circa 110 milioni di euro con parte di finanziamento comunale.

L’ attuale sindaco Gualtieri contrario: 

Sin dalla campagna elettorale l’attuale sindaco Roberto Gualtieri era contrario alla funivia. La sua posizione non è cambiata nemmeno adesso da quando siede in Campidoglio. Infatti secondo la Giunta Comunale l’opera non rappresenta una priorità per i cittadini e ha accantonato l’idea, sostenendo soluzioni alternative. “Dobbiamo prevedere delle priorità. Un collegamento per Casalotti è una priorità, ma la funivia, per la tecnologia che impiega, non lo è” – ha spiegato l’assessore ai trasporti Eugenio Patané. Per questa ragione al posto della funivia è stata inaugurata la linea 91 express che con solo 6 fermate e una frequenza di bus ogni 16 minuti, collega Battistini e Casalotti favorendo lo scambio rapido per la metropolitana.

La Raggi difende la funivia: 

Virginia Raggi non ci sta. L’ex sindaca infatti ha rivendicato e difeso la sua opera e attaccato la soluzione alternativa proposta dalla Giunta. Tramite un post sui social la Raggi ha ripercorso le tappe del suo progetto: “Negli scorsi anni ero riuscita ad ottenere dal Governo (ne ho parlato con tutti gli esecutivi dal 2016 al 2021) i fondi per finanziare i trasporti pubblici della città. Tra questi c’erano anche 110 milioni assegnati per realizzare una funivia urbana tra l’area periferica di Casalotti ed il capolinea della metropolitana A, Battistini”. Il progetto era stato portato avanti dall’Associazione Casalottilibera e dal Prof. Arch. Stefano Panunzi con la Raggi che l’aveva sottoposto ai tecnici di Roma Capitale e di Roma Servizi per la Mobilità che ne avevano decretato la bontà così come fatto dal Ministero e il CIP, con lavori completati (si stima in pochi mesi). La nuova amministrazione però ha bloccato tutto: “Uno dei primi atti dell’amministrazione PD appena insediata è stato bloccare l’opera. Quasi per dispetto. Dissero che avrebbero usato quei fondi per fare altro. Tuttavia proprio in questi giorni apprendiamo che Gualtieri è riuscito a perdere quei fondi perché dopo averli bloccati non li ha impiegati. Complimenti! Questo sì che significa essere “sul pezzo” e soprattutto, comprendere le esigenze della città e delle sue periferie”.

 

Dar Ciriola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati