Parere favorevole al vaccino antimeningococco B di Novartis

Entro tre mesi l’approvazione definitiva da parte del Comitato Europeo
di Patrizia Miracco - 27 Novembre 2012

La Committee for Medicinal Products for Human Use (Chmp) dell’Agenzia Europea per i Medicinali (Ema) ha adottato parere positivo per il vaccino antimeningococco B di Novartis. La notizia è stata comunicata il 16 novembre 2012 a Siena dalla Novartis, azienda multinazionale svizzera che opera nel settore farmaceutico.

La meningite da meningococco B è la principale causa di meningite in Europa. Nel 2011 in Italia sono stati riportati 152 casi conclamati di meningite da meningococco e circa il 5-15% della popolazione umana è portatrice sana di questo batterio nella sua forma non patogena. La malattia da meningococco B (MenB) è causa di un’infiammazione acuta ad esordio improvviso delle membrane protettive, le meningi, che coprono l’encefalo e il midollo spinale. La meningite da meningococco B, quando non è diagnosticata precocemente, può uccidere nell’arco delle 24 ore o lasciare disabilità permanente. La trasmissione avviene per contatto diretto tra persone.

Per Susanna Esposito, direttore della I Clinica Pediatrica Ospedale Maggiore Policlinico di Milano e presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica: “La vaccinazione è considerata l’unico intervento preventivo efficace. Questo nuovo vaccino rappresenta un enorme progresso perché permetterà di prevenire la meningite di sierogruppo B nelle diverse fasce di età”. Il vaccino Novartis contro il meningococco B è il primo vaccino sviluppato usando un pionieristico approccio scientifico (la reverse vaccinology), che parte dal genoma del batterio. Questo è un approccio innovativo che costituisce la base per una nuova generazione di vaccini grazie ai quali sarà possibile prevenire altre malattie.

Sarà possibile somministrare il vaccino multicomponente contro il meningococco B dai due mesi di età seguendo diverse schedule di vaccinazione che possono integrarsi con il calendario delle vaccinazioni di routine. “Accogliamo con profonda soddisfazione – ha dichiarato Bruce Langoulant, Presidente e membro del CoMO, (Governing Council of Confederation of Meningitis Organisations) e padre di una bimba sopravvissuta alla meningite – questa notizia particolarmente significativa per genitori e medici. Per la prima volta nella lotta contro la malattia meningococcica, si intravede una potenziale soluzione nella protezione contro questa malattia. Molti membri e sostenitori del nostro Comitato – prosegue Langoulant – sono stati colpiti personalmente dalla meningite e hanno visto i loro cari soffrire degli effetti devastanti di questa malattia”.

Al momento dell’approvazione definitiva, il vaccino contro il meningococco di tipo B di Novartis, sarà quindi il primo vaccino ad ampia copertura contro MenB indicato per proteggere tutte le fasce di età, inclusi i lattanti. Ultima tappa per l’approvazione del vaccino è il pronunciamento, entro tre mesi, dalla Commissione Europea.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti