Sinistra Democratica contro la Riforma Gelmini e la legge 133

Dibattito organizzato da SD presso la Cmb di viale Palmiro Togliatti
di Alessandro Moriconi - 13 Novembre 2008

La sinistra si è interrogata sul grave momento che attraversa il mondo della scuola e lo ha fatto il 12 novembre in un dibattito organizzato da Sinistra Democratica, presso la Cmb di viale Palmiro Togliatti, a cui hanno partecipato Loredana De Petris per i Verdi, Giulia Rodano per Sin. Dem., Luciano Ventura per il coordinamento " non rubateci il futuro " della scuola Iqbal Masih e Simonetta Salacone, responsabile scuola di SD.

Tutti uniti contro la Riforma Gelmini e la Legge 133. Tutti gli intervenuti al dibattito si sono soffermati dal modo non violento con cui gli studenti portano avanti la loro battaglia contro chi vuole distruggere la scuola pubblica, sulla nascita spontanea della protesta che senza la guida di leader e senza bandiere di partito ha lanciato la sua sfida per la difesa della scuola pubblica.

Simonetta Salacone ha sottolineato come a fronte di una immobilità dell’opposizione parlamentare e delle organizzazione sindacali solo i genitori e i docenti abbiano saputo intercettare la gravità della situazione e il tentativo dei giovani di mettere le mani sul loro futuro.

L’intervento conclusivo è stato fatto dal coordinatore nazionale di SD Claudio Fava cha ha ripercorso gli ultimo cinquantanni della scuola italiana ed esaltato il ruolo di quanti in questi giorni si battono per una scuola pubblica che accompagni le nuove generazioni ad un futuro migliore. Fava si è anche soffermato sulla comprensibile diffidenza che questi ragazzi hanno verso una politica che con i suoi tempi lenti e una superata liturgia tarda ad intercettare il disagio giovanile.

SD ha concluso Fava, non vuole mettere il cappello sulla protesta e non vuole impossessarsi di nessuna parla d’ordine, al contrario, vuole accompagnarle,condividerle, comprenderle perchè da questi ragazzi anche noi abbiamo molto da imparare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti