Spariti tutti i voti in una sezione a Talenti e il caso finisce in Procura

E ad oggi restano venti sezioni fantasma
Redazione - 17 Giugno 2016

Nella sezione 354, in via Rina de Liguoro a Talenti i voti sono scomparsi, non ci sono né i verbali, né le tabelle riepilogative, né le comunicazioni al Campidoglio. Zero voti, zero preferenze, resta solo il sospetto che sia sparita l’urna. Ma dal caos del conteggio dei voti ecco un’altra, disarmante, certezza: in venti sezioni i dati sono incompleti e inaffidabili. Solo in mille su 2.600 sezioni tutto è filato liscio.

3220891-1

Via Rina de Liguoro

Ad oggi restano venti sezioni fantasma, come è stato spiegato ieri ai rappresentanti di lista, convocati alle 17 all’ufficio elettorale centrale. In otto non è possibile ricavare i voti di lista (sone le sezioni: n. 350 a Boccea, n. 849 Ardeatina, n. 910 in via Amulio, n. 951 Centocelle, n. 1457 Portuense, n. 1496 Grotta Perfetta, n. 1628 Laurentina, n. 2564 Bufalotta), in altri dodici non ci sono le preferenze. In una, a Talenti appunto, non c’è nulla, neanche le schede. Nelle prossime ore tutto sarà mandato in procura: rischiano presidenti di sezioni e scrutatori che non hanno fatto il loro dovere.

Visto il caos generalizzato e molti dei rappresentanti di lista (esclusi quelli del M5S) hanno sottoscritto un documento del Pd ,consegnato poi all’Ufficio elettorale, che afferma: “Fermo restando che il seggio centrale ha svolto le operazioni previste in maniera formalmente corretta, rileviamo però che l’eventuale proclamazione dei dati definitivi con decine di sezioni elettorali computate a zero voti (a causa della difficoltà di desumere i risultati dai verbali) non tutela l’espressione del voto da parte degli elettori romani”. Il paradosso delle regole  è che se il presidente di sezione, nel verbale, certifica che lo spoglio è interrotto, i voti vengono ricontati dall’Ufficio elettorale centrale; se il verbale è vuoto no.

Intanto Fabio Rampelli, parlamentare di FdI, che ha preparato un dossier, ha minacciato di presentare un esposto alla procura.

L’intera situazione fa presupporre la presentazione di ricorso di numerosi candidati al Consiglio comunale e ai consigli municipali.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti