Sviluppare l’intelligenza emotiva per combattere bullismo e cyberbullismo

Il tavolo Interistituzionale coordinato da Gabinetto del Sindaco e Direzione Generale

Sviluppare l’intelligenza emotiva di bambine e bambini, ragazze e ragazzi, per contrastare il bullismo e il cyberbullismo. La nuova “materia” sarà portata sui banchi delle scuole e nel settore sportivo con un progetto sperimentale studiato dal tavolo tecnico sul tema che ha visto la collaborazione tra Roma Capitale, Ministero dell’Istruzione e del Merito, Lega Nazionale Dilettanti e tantissime realtà istituzionali che hanno fatto rete per rispondere a un fenomeno in costante aumento che prende di mira giovani e giovanissimi.

Il tavolo tecnico, coordinato dal Gabinetto del Sindaco e dalla Vice Direzione Generale, si chiude dopo aver fatto sintesi tra le problematiche in campo, dando il via libera alla fase formativa. Obiettivo: creare una buona pratica da replicare in futuro, partendo dalle scuole e dai circoli sportivi.

Grazie al metodo proposto dal Professor Aldo Grauso, coordinatore del tavolo, e condiviso dai partecipanti, un manuale psicopedagogico e diversi moduli e-learning saranno a disposizione di docenti ed educatori sportivi che potranno iniziare la sperimentazione seguendo le tecniche apprese.

Il progetto sperimentale, che entrerà nelal fase operativa il prossimo autunno, coinvolgerà una scuola dell’infanzia, una primaria e secondaria di I grado e una realtà sportiva per ogni Municipio di Roma. L’intenzione è chiudere una prima fase entro l’anno, per comprendere l’impatto sulla popolazione giovanile.

Il punto di partenza dal quale parte la sperimentazione è che solo provando e scambiando le emozioni, tra colui che compie un’azione di bullismo e colui che la subisce, si possa arrivare a una completa consapevolezza del fenomeno. Solo “provando” il dolore che si provoca agli altri si potrà evitare di replicare comportamenti negativi e devianti.

Il metodo proposto dal Prof Grauso, che servirà sia ai docenti, che capiranno meglio la vita emotiva dei propri studenti, sia agli alunni, per condividere tante cose della propria vita che altrimenti sarebbero messe da parte, è mutuato da buone pratiche messe in atto in Nord Europa, dove questo punto di vista è molto utilizzato e sta dando ottimi riscontri.

La metodologia proposta approccia dunque un problema che, partendo dalla scuola, viene traslato in realtà esterne. In questo modo, il messaggio che bambini/e e ragazzi/e e praticanti di sport ricevono sarà lo stesso, e lo sviluppo dell’intelligenza emotiva permetterà di immedesimarsi nell’altro e “toccare” le corde più profonde del sentire.

Roma Capitale e Lega Nazionale dilettanti, attraverso i Dipartimenti e i propri organi interni, selezioneranno scuole e associazioni partecipanti al progetto sperimentale.

Componenti del tavolo tecnico:

Coordinatore scientifico: Prof. Aldo Grauso

Gabinetto del Sindaco e vice direzione Generale di Roma Capitale Pierpaola D’Alessandro; Presidenza Commissione capitolina Trasporti; per il progetto di ricerca lo psicoterapeuta Marco Maiali, Lega Nazionale Dilettanti, Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale della Figc, Ministero della Salute, dell’Istruzione e del Merito, Garante dell’infanzia e dell’adolescenza del Consiglio della Regione Lazio, iAssociazione nazionale dirigenti e alte professionalità della scuola di Roma e del Lazio, Consiglio Nazionale Giovani, Ufficio Regionale Scolastico del Lazio, Comitato Pari opportunità dell’Ordine degli Avvocati di Roma, Coordinamento Genitori, Moige, Tik Tok Italy, Polizia Postale, Bioparco di Roma, Dipartimento Scuola e Formazione di Roma Capitale, Direzione Musei Civici di Roma Capitale.

Equipe scientifica:

Composta da docenti universitari specializzati in diversi settori. Ne fa parte la crimonologa Roberta Bruzzone. La formazione multidisciplinare si focalizza sulla psicologia infantile in ambito relazionale e nei disturbi del comportamento alimentare fino a competenze nel settore della devianza sociale, della criminologia e della psicologia dello sport.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati