Un altro incidente in via Newton

Lunedì 23 marzo hanno perso la vita due ragazzi a bordo di una Fiat Panda
A.M. - 25 Marzo 2009

Si muore ancora sulla Portuense. Nella tarda serata di lunedì 23 marzo, in via Isacco Newton hanno perso la vita due ragazzi di 33 e 37 anni. A provocare l’incidente un uomo di 33 anni, risultato positivo ai test anti droga e antialcol, alla guida di una Citroen Xantia.

Dai rilievi risulta che la Citroen avrebbe invaso la corsia opposta travolgendo una Panda che sopraggiungeva. Nell’incidente è rimasta coinvolta anche una Smart, ma il cui conducente ha riportato solo ferite non gravi.on grave. Mentre il conducente della Xantia, denunciato per omicidio colposo, è ricoverato in gravissime condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale San Camillo. Una tragedia quella di lunedì scorso che sembra ripetersi nel tempo. Pochi mesi fa era stato un automobilista, sceso dalla sua auto, ad essere travolto da un autobus dell’Atac.

"Viale Isacco Newton – commenta l’incidente il portavoce dei Verdi Giuseppe Teodoro –  per le sue caratteristiche di "circuito di formula uno", ha sempre rappresentato uno degli assi viari più pericolosi in assoluto: un kilometro lanciato che invita alla corsa, ma privo di barriere e strutture laterali e centrali, idonee a contenere eventuali salti di corsia. 
Al di là delle personali responsabilità di colui che ha provocato quest’ultimo gravissimo incidente la via in questione ha confermato la sua maledizione. Sono anni che sollecitiamo gli organi competenti ad assumere drastici provvedimenti di ripristino della legalità e della sicurezza per questo asse stradale, non ultima la richiesta di installare un sistema di autovelox, quale deterrente alle folli gare che quotidianamente si registrano, tra la paura e l’indignazione dei residenti.
Eppure, nè il Comune, nè il Municipio XV nè i Vigili Urbani si sono adoperati incisivamente per impedire o contenere simili disastri; per questo una buona fetta di responsabilità nell’ennesima tragedia che ha funestato il quartiere oggi ricade inevitabilmente sulle istituzioni e su chi, politicamente, fino ad oggi ha tenuto un comportamento superficiale o, addirittura, omissivo.

Sul tragico ed ennesimo episodio interviene, anche, Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio Roma XV, che dopo aver espresso  vicinanza alle famiglie delle vittime, dichiara: "Via Newton va messa in sicurezza e questo è un punto su cui non si discute. Avevo presentato una mozione sulla sicurezza stradale che parlava anche di via Newton e spero che entro breve abbiano corso i dispositivi che erano contenuti nella stessa, tra cui autovelox e rallentatori acustici, anche se non sappiamo se la disgrazia sarebbe stata comunque evitata”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti