“Welcome to Rome”, un viaggio multimediale alla scoperta di Roma

Paco Lanciano, fisico e divulgatore scientifico, ha realizzato una macchina del tempo alla scoperta delle meraviglie della città eterna
Giulia Forestiere - 17 Ottobre 2017

Esplorare i 2700 anni della città, attraverso un emozionante viaggio multimediale è il nuovo progetto di Paco Lanciano, che dal 1993 collabora con Piero Angela in trasmissioni televisive come Superquark, Quark Speciale, Viaggio nel cosmo.
Welcome to Rome nasce con l’obiettivo di far conoscere la millenaria storia della città eterna, soprattutto a chi la visita per la prima volta, ma anche a chi ci vive, così da riscoprirne e apprezzarne le meraviglie.

Allestita negli spazi dell’ex Cinema Augustus a Corso Vittorio 203, l’iniziativa si avvale di multiproiezioni emozionanti e interattive, per formare una sorta di mappa di riferimento per leggere, conoscere, comprendere e apprezzare al meglio Roma.

“Una sorta di macchina del tempo che aiuta tutti quelli che vengono a visitare Roma a costruirsi una mappa, un indice della città, e, aggiungo, un po’ aiuta anche i romani ad avere un atteggiamento un po’ più costruttivo nei confronti della propria città” spiega Paco Lanciano.
Welcome to Rome è un esempio di educazione civica, di amore e cura per la propria città!

All’interno dello spazio museale è possibile trovare dieci exhibit interattivi, tra plastici con parti semoventi, vetrine con ologrammi e proiezioni, grandi rappresentazioni, mappe di Roma e dei suoi monumenti più importanti attraverso le varie epoche, oltre che una sala per la multiproiezione con il plastico della città che è l’ultima e spettacolare tappa del viaggio. Il tutto per un’esperienza di fatto, altamente didattica, fruibile da tutti, grandi e bambini.

La tecnologia, protagonista di questa iniziativa, permette un viaggio a 360° nella storia e la formazione di una realtà virtuale che ci fa rendere conto di ciò che siamo da dove veniamo, un viaggio per gli occhi e la mente attraverso lo spazio e il tempo.

“Così, per esempio, uscendo da qui i turisti e i romani vedranno Piazza Navona con occhi che guardano anche allo Stadio di Domiziano”.

Welcome to Rome non è la storia di Roma, ma una mappa mentale da riempire, una visione d’insieme per legare le singole pagine, i singoli dettagli all’interno di un contesto, è un gioco, un’avventura avvincente, il segreto – spiega Lanciano – è raccontare tante cose anche scientifiche ma in modo spettacolare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti