Adottiamo Castel di Guido

Insieme si può fare, il progetto delle scuole del XVIII municipio
di Franco Leggeri - 20 Aprile 2009

Foto di Franco Leggeri

Il 18 aprile 2009 a Castel di Guido, nella sala grande del Castello, si è tenuto il convegno: ”Insieme si può fare”. Il convegno è stato organizzato dalla Rete Interscolastica del Municipio XVIII, Coordinato dal 5° Circolo Didattico “V. Alfieri”.
Il progetto, presentato dalla Rete Interscolastica del Municipio XVIII, consiste nell’adozione da parte delle scuole aderenti, tutte situate nel XVIII municipio, dell’Azienda Agricola Castel di Guido.
L’Azienda Agricola si estende su 2000 ettari ed è inclusa, per larga parte, all’interno della Riserva naturale Statale del Litorale Romano, la grande area protetta tra i Comuni di Roma e Fiumicino. All’interno dell’Azienda Agricola vengono effettuate coltivazioni biologiche di cereali (grano, orzo, ecc.) e di colture foraggiere e vengono allevate vacche di razza frisone per la produzione del latte e di formaggio; essa vanta inoltre il più grande allevamento di vacche maremmane del Lazio per la produzione di carne.
La zona a più alto valore naturalistico dell’Azienda vede l’alternanza di boschi e praterie a formare il mosaico di ambienti che un tempo caratterizzavano la Campagna Romana.
Dal 1999 quest’area è stata affidata in gestione alla Lipu con l’obiettivo di conservarla e nello stesso tempo renderla un punto di riferimento importante per l’Educazione Ambientale.

Infine Castel di Guido vanta uno dei siti archeologici più ricchi e suggestivi a nord di Roma. Villa delle Colonnacce, oltre ad essere di gran valore dato l’ottimo stato in cui è affiorata e continua ad affiorare, ha lo straordinario pregio di conservarsi ancora in un paesaggio del tutto simile a quello di un tempo.

La proposta di “adozione” del territorio di Castel di Guido nasce dal desiderio di valorizzarlo a partire dai bambini e dai ragazzi: dare loro uno strumento concreto per avvicinarsi, in modo semplice e coinvolgente, ai temi legati all’ambiente, al territorio, alla storia ed alla natura, vuole dire creare un legame affettivo tra loro e quest’area.

Sono intervenuti:
Prof.ssa Stefania Prece – Presidente della Rete Interscolastica;
On. Daniele Giannini – Presidente del XVIII Municipio;
Dott. Marcello Visca – Direttore dell’Azienda Agricola Castel di Guido;
On. Prof. Patrizio Veronelli Assessore all’Ambiente del XVIII Municipio;
Dott.ssa Maria Pia Bucchioni – Direttore dell’Assessorato Istruzione e Diritto allo Studio della Regione Lazio;
Prof. Giuseppe Fusacchia – Dirigente scolastico coordinatore del Progetto: “Castel di Guido come laboratorio di formazione a uno sviluppo territoriale sostenibile”;
Dott.ssa Alessia De Lorenzis- Direttrice Oasi Lipu di Castel di Guido e responsabile del Progetto:” Il clima cambia: che aria tira a Castel di Guido?”.
Dott.ssa Daniela Rossi – Funzionario Responsabile della Sovrintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma per il Municipio XVI. Responsabile della Villa Romana delle Colonnacce e di Villa Olivella, ha svolto una relazione sul tema :”Archeologia a Castel di Guido”.
Prof.ssa Susanna Passigli – Docente di Storia del Paesaggio dell’Università di Viterbo che ha svolto una relazione sul tema “ Storia ed evoluzione del Paesaggio a Castel di Guido”;
Dott. Gianluigi Liberti- Ricercatore CNR- Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC), sezione di Roma, che ha svolto una relazione sul tema “ Educazione all’ambiente e sviluppo della cultura scientifica. Il caso “Clima”: una questione di sopravvivenza”.

Nel pomeriggio i convenuti si sono recati in visita all’Oasi Naturale gestita dalla Lipu e alla Villa Romana delle Colonnacce.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti