“Allenarsi per il futuro”, libro con idee per il lavoro che verrà

Necessitano giovani curiosi, creativi ed intraprendenti per una generazione che arriverà a cambiare dai cinque ai sette lavori
Patrizia Miracco - 14 Dicembre 2015

Il mondo del lavoro è in continuo mutamento. Quale futuro spetterà ai giovani? A questa e a tante altre domande vuole dare risposte il volume dal titolo “Allenarsi per il futuro. Idee e strumenti per il lavoro che verrà” di Stefano Maria Cianciotta e Pietro Paganini, presentato giovedì, 10 dicembre, a Roma presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati.

La prospettiva è che le nuove generazioni arriveranno a cambiare, nei prossimi anni, in media dai cinque ai sette lavori, svolgendo professioni completamente diverse e forse addirittura inesistenti.

E’ per questo “che dobbiamo ripensare completamente la scuola attuale che tende ad assopire, se non addirittura sopprimere qualsiasi pulsione creativa e imprenditoriale – sottolinea Pietro Paganini – Essere Curiosi, essere Creativi, essere Intraprendenti: sono queste le tre principali attitudini attorno alle quali dovrà essere organizzata l’attività di insegnamento, in un contesto nel quale il sapere sarà ancora più facilmente accessibile e condivisibile attraverso la rete e le tecnologie”.

La scuola di oggi che si ferma a lezioni frontali e obsolete, dovrà prepararsi ad offrire ai giovani nuovi stimoli con laboratori di sperimentazione e collaborazione ed insegnanti coordinatori e guida di un nuovo sapere.

“Il nuovo modello scolastico pedagogico, oltre che complementare al mercato del lavoro e ai cambiamenti socio-culturali – sostiene Stefano Cianciotta – dovrà essere in grado di anticipare e favorire la formazione di modelli di sviluppo sempre nuovi e proporre un metodo di apprendimento capace di far crescere una generazione di innovatori che siano in grado di adattarsi costantemente alle trasformazioni socio-economiche, anche quando avranno un’età avanzata. Ed è anche per questo che il nuovo sistema formativo, così come quello già proposto da Montessori, opererà attraverso un processo di apprendimento costante nel tempo, long life learning, perché sappia formare chi deve continuare ad “allenarsi” per affrontare le sfide del Futuro”.

Hanno partecipato alla presentazione del libro: Francesca Fialdini, conduttrice del programma di RaiUno ‘UnoMattina’, e rappresentanti del mondo politico-istituzionale e imprenditoriale, Dorina Bianchi; Mariastella Gelmini; Simona Malpezzi; Carla Ruocco; Marco Ceresa e Roberto Zecchino.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti