Ancora una volta tutti in piazza contro l’inceneritore dei Castelli Romani

In corteo sabato 20 ottobre da Piazza Mazzini ad Albano Laziale fino a Piazza di Corte ad Ariccia. Indagato Manlio Cerroni
Enzo Luciani - 20 Ottobre 2012

Sabato 20 ottobre, alle ore 15,30, con partenza da Piazza Mazzini ad Albano Laziale fino a Piazza di Corte ad Ariccia, un’intera comunità si raccoglierà – per la decima volta – e sfilerà di nuovo lungo le strade dei Castelli Romani. La Via Appia, siamo certi, tornerà ad animarsi, per l’occasione, di tante centinaia, speriamo migliaia di persone. 

Ancora una volta intere famiglie, studenti, lavoratori, cittadini e cittadine, scenderanno nella pubblica piazza per ribadire con una sole voce: No all’Inceneritore dei Castelli Romani, No al VII invaso di Roncigliano, Sì alla Raccolta Differenziata porta a porta associata alla riduzione, al riciclo ed al riuso dei rifiuti urbani.

In queste ultime ore, tra l’altro, si susseguono notizie relative ad indagini in corso da parte della Procura di Roma e di Velletri sul “Sistema Cerroni”. Gravi i capi penali d’imputazione: truffa, estorsione, associazione a delinquere e traffico illecito di rifiuti.

Nonostante ciò, alla luce della Sentenza Politica del Consiglio di Stato di marzo scorso, che il Ministro Clini conosceva tanto presto e tanto bene, l’inceneritore di Albano risulta ancora definitivamente approvato a livello amministrativo.

Per scongiurare, quindi, il temuto avvio del cantiere per la costruzione dell’impianto – che pende ancora come una spada di Damocle sulle nostre vite – proprio nei giorni scorsi il No Inc ha depositato un nuovo ricorso giuridico presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) di Strasburgo.

"Siamo convinti, oggi più di ieri, – precisa in un comunicato il No Onc – che l’atto commissariale di Marrazzo violi non solo i principi della Costituzione Italiana, considerati inviolabili, che affermano, in modo irrinunciabile e prioritario, il diritto dei cittadini alla salute e ad un ambiente salubre ma, anche, le norme in materia del diritto UE.
Affinché, però, questo atto giuridico abbia la forza di rappresentare anche l’espressione corale e condivisa di un’intera comunità – ovvero dell’intera comunità di Albano e dei Castelli Romani – a questo primo ricorso, sottoscritto solo dalle Associazioni No Inc, vorremmo se ne aggiungesse un altro. Ovvero un ricorso sottoscritto direttamente dai cittadini e dalle cittadine dei Castelli Romani, dalle associazioni ambientaliste, dai Movimenti e dai Comitati di quartiere".

A partire, quindi, dalle ore 15,00 presso Piazza Mazzini, ed a seguire per tutta la durata del corteo, sarà disponibile un “banchetto itinerante” per raccogliere le firme di quanti, tra i cittadini e le cittadine dei Castelli Romani, vorranno sottoscrivere, senza dover sostenere alcuna spesa, una copia “aperta” del ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Starsburgo contro l’Inceneritore di Albano. Occorrono unicamente tre credenziali: un documento valido d’identità, aver raggiunto la maggiore età, essere residenti nei comuni che sversano i propri rifiuti indifferenziati nella discarica di Roncigliano (Albano Laziale, Ariccia, Genzano di Roma, Lanuvio, Nemi, Rocca di Papa, Castel Gandolfo, Marino, Ardea e Pomezia).

Il ricorso giuridico, sottoscritto dai cittadini e dalle cittadine dei Castelli Romani, dalle Associazioni ambientaliste, dai movimenti e dai comitati di quartiere, verrà spedito presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo la mattina di lunedì 22 ottobre.

Adotta Abitare A

In alternativa, per tutta la giornata di venerdì, sabato e domenica, una copia del ricorso e relativi moduli per la raccolta firme saranno disponibili presso la libreria le “Baruffe” in Piazza Carducci, 3 ad Albano Laziale (9,30-13,00; 16,30-20,00).

"Un atto consapevole di difesa della salute pubblica e dell’ambiente da parte della cittadinanza dei Castelli Romani" ribadisce il Comitato No Inc..
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti