Asfaltati anche i tombini in via Roberto Alessandri

Marco Giudici (PDL): "progetto ambizioso rendere Colli Portuensi zona lagunare"
di Franco Leggeri - 27 Luglio 2009

Il Consigliere Marco Giudici (PDL) dopo un sopralluogo in via Roberto Alessandri ha preso carta e penna ed ha scritto e diramato il seguente comunicato stampa: “Potrebbe essere un progetto ambizioso di trasformazione del quartiere Colli Portuensi in una zona lagunare, ma sta di fatto che i tanto attesi lavori di rifacimento del manto stradale su via Roberto Alessandri, ottenuti dopo innumerevoli iniziative e richieste del Popolo delle Libertà alla giunta di centrosinistra che governa il Municipio XVI, sono stati eseguiti in tempi talmente rapidi che l’Impresa, noncurante della presenza delle fognature, ha steso l’asfalto anche nelle fessure dei tombini e sulle caditoie, rendendo la carreggiata stagna”.
La nota del Consigliere giudici prosegue: ”Il lungo calvario di via Alessandri iniziò il giorno precedente al voto delle comunali del 2008, ma la strada venne realizzata solo a metà. Chiuso quel cantiere e presi in giro i cittadini, il centro sinistra ha temporeggiato per più di un anno accollando colpe e responsabilità, per il blocco dei lavori, alla giunta Alemanno. Oggi che il nuovo cantiere è stato aperto e chiuso in tempi record, si è manifestata solo l’incapacità del centrosinistra a governare, a garantire il buon esito di un servizio e a vigilare su un pubblico lavoro di elementare difficoltà.
Domani presenterò un’interrogazione al Presidente del Municipio per sapere quale genio ha trasformato una carreggiata stradale in un letto di un fiume e per chiedere un intervento di pulizia di fognature e caditoie e, in caso di risposta negativa sin dalle prime piogge ritengo opportuno rinominare via Alessandri in Laguna Alessandri”.

Le domande che di seguito si fa il cittadino della strada: 1) Ma chi controlla i lavori? 2) Chi contabilizza e certifica, collauda, il lavoro? 3) Sono state rialzate le feritoie in modo che non siano lasciati avvallamenti su cui possano pericolare ciclomotori e le auto rompere gli ammortizzatori?

I lavori di “messa a livello“ delle caditoie viene eseguito con la posa in opera di un “collo di mattoni”. Sarebbe opportuno che qualcuno incominciasse a verificare la contabilità dei lavori, specifiche tecniche, chi firma i SAL e chi firma il collaudo finale dell’opera.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti