Fridays For Future a Roma il 5 giugno

In bici dal Colosseo al Pantheon e flashmob
Redazione - 4 Giugno 2020

Dopo mesi di lockdown, di assemblee e strike on line, Venerdì 5 Giugno Fridays For Future Roma torna in strada in occasione della Giornata dell’Ambiente, unendosi al bike strike nazionale per la giustizia climatica che riempirà le vie di decine di città italiane.

L’appuntamento a Roma per questo Venerdì è alle 17:30 davanti alla metro Colosseo con biciclette, pattini, skate, carrozzine, monopattini e ovviamente cartelli e striscioni. La partenza è prevista per le 17:45 con destinazione Pantheon, dove avverrà un flash mob.

Le misure di distanziamento sociale non hanno bloccato il movimento ecologista, che in questi mesi ha costruito la campagna “Ritorno al Futuro”: sette proposte per una transizione ecologica che ci permetta di contrastare la crisi climatica nella tutela dei diritti di tutte e tutti. “Quello che abbiamo imparato durante questa pandemia” affermano le ragazze e i ragazzi di Fridays For Future “è che la nostra salute è legata a quella degli ambienti in cui viviamo, chi li inquina  e li devasta rappresenta una minaccia per il benessere di tutte le comunità. È per questo che abbiamo elaborato le proposte di Ritorno al Futuro: non possiamo permettere che gli investimenti che saranno messi in campo per fronteggiare questa crisi economica siano destinati alle grandi aziende inquinanti che hanno generato la crisi climatica, né tanto meno alle banche che li finanziano! Non possiamo risolvere una crisi rinfocolandone un’altra: abbiamo immediato bisogno di un piano che investa sulla sanità pubblica, su una transizione energetica che tuteli e ampli i posti di lavoro, su una produzione agroalimentare sostenibile, sull’istruzione e la ricerca pubbliche e su un sistema pubblico dei trasporti accessibile a tutte e tutti.”

Fresco Market
Fresco Market

Proprio il 5 Giugno sarà pubblicata l’ultima parte della campagna sul sito Ritornoalfuturo.org e sulle pagine social di Fridays For Future.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti