Scacchi contro il bullismo. Il rispetto delle regole

Il convegno al Teatro Biblioteca Quarticciolo del 29 gennaio 2010
di Maria Giovanna Tarullo - 1 Febbraio 2010

Il Teatro Biblioteca Quarticciolo, lo scorso 29 gennaio 2010 ha aperto le sue porte alla prima di una serie d’iniziative dedicate al tema del bullismo, in relazione con lo sport degli scacchi, il convegno "Scacchi contro il bullismo – Il rispetto delle regole". La manifestazione, voluta dal Presidente del VII Municipio Roberto Mastrantonio e patrocinato dalla Provincia di Roma, dalla Federazione Scacchistica Italiana, dal Coni Lazio ed il Team Lazio Special Olympics, nasce con l’obiettivo di presentare a tutti coloro che hanno a che fare con il mondo dei ragazzi come lo sport degli scacchi, possa rappresentare una valida soluzione per introdurre i bambini al rispetto delle regole.
Presente al convengo in veste di organizzatore e moderatore, il diffusore del gioco degli scacchi, Rosario Lucio Ragonese che ha introdotto i numerosi interventi di personaggi conoscitori della materia ragazzi e scacchi, che hanno contribuito a donare il loro prezioso pensiero sul tema, come: piscologi, antropologi, istruttori, esperti di giochi, direttori didattici, professori, insegnanti e giornalisti.

Citando solamente alcuni degli interventi della giornata, il VicePresidente della Federazione Scacchisti Italiana Mario Leoncini ha esposto al pubblico, data la sua immensa cultura in materia, come nel corso della storia il gioco degli scacchi, abbia sempre rispecchiato i vari aspetti della società. Per esempio l’importanza del ruolo della donna, peraltro figura di spicco negli scacchi, evolvendosi negli anni ed imponendosi nei campionati mondiali. Come abbiamo appurato con la presenza di Carla Mircoli, divenuta Istruttore dell’Anno, che ha parlato del suo lavoro con i bambini delle scuola per l’infanzia; affermando l’interesse dei più piccoli per questo sport, i quali possono diventare dei piccoli campioni nel pieno rispetto delle regole a dispetto di alcuni adulti.

Mentre lo Psicoterapeuta, Massimo Marino attraverso la sua esperienza nei centri per non udenti ed all’interno delle carceri minorili, ha mostrato la potenza della comunicazione per mezzo degli scacchi. Il gioco spesso diffuso sui mezzi di comunicazione è stato rappresentato dal giornalista e giocologo Ennio Peres, reduce dalla collaborazione con il settimanale dedicato all’intrattenimento per la mente BrainTrainer, ed il direttore della famosa rivista "L’Italia Scacchista" Adolivio Capece.

Dopo una breve pausa, in cui è stato offerto un ricco buffet, il pomeriggio al Teatro Biblioteca Quarticciolo, ha visto protagoniste le scuole primarie di Roma. I Dirigenti Scolastici e gli insegnanti hanno portato la loro testimonianza, confermando il grande successo ottenuto con il progetto. Il gioco degli scacchi ha rappresentano, in molti casi, uno stimolo verso un nuovo modo di giocare, ponendo il ragazzo non più in ruolo passivo davanti ad un video-game, ma attivo e concentrato in una partita di scacchi.
Le scuole presenti al convegno sono state: la Scuola Priamaria G.B. Basile, la Scuola Media Marthin Luther King, la Scuola elementare E. Dandini di Frascati e la Scuola Primaria G. Gesmundo.

La manifestazione si è conclusa con la performance di Daniela Movileanu, Campionessa Italiana Under 14 del Circolo Frascati Scacchi, con una simultanea di scacchi su 20 scacchiere.

Il Presidente del VII municipio Roberto Mastrantonio, promotore del convegno, ha dichiarato: "Sono orgoglioso dello svolgimento di questo progetto, che si è concluso con la produzione di questo convegno. Il VII Municipio si pone in prima fila nella lotta al fenomeno del bullismo ed in difesa della legalità. Attraverso una rete di Associazioni sportive e culturali sul territorio e con l’aiuto delle Forze dell’Ordine puntiamo sulla prevenzione del bullismo, anche per mezzo dello sport degli scacchi, introdotto nelle scuole del Municipio. Sperando di poter attuare nuove iniziative a riguardo."

Tutti gli interventi e le relazioni effettuate durante il convegno saranno disponibili sul sito: www.frascatiscacchi.it.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti