Senso civico e controlli per tutelare l’area archeologica di Tuscolo

appello del Presidente della Comunità Montana ai Sindaci e ai Corpi di Polizia
Enzo Luciani - 27 Aprile 2012

La Comunità Montana è da sempre impegnata, attraverso considerevoli interventi di indagine scientifica, a valorizzare l’area del Tuscolo, con costi particolarmente significativi. Questo tipo di attività viene eseguita in funzione delle risorse finanziarie disponibili e sulla base di una programmazione specifica che sta portando alla costituzione del Parco Archeologico e Culturale di Tuscolo .

Un progetto di assoluta importanza che vede la Comunità Montana in prima fila nella convinzione che l’area di Tuscolo sia un bene da tutelare e valorizzare per strutturarlo come attrattore culturale del nostro territorio.

Nonostante tutti gli innumerevoli sforzi messi in campo dalla Comunità Montana, il Tuscolo continua ad essere un luogo incustodito, in cui gli atti vandalici sono all’ordine del giorno e i comportamenti scorretti si susseguono a danno di un patrimonio pubblico che con fatica si sta cercando di tutelare.
Questi comportamenti non sono né prevenuti né sanzionati, laddove sarebbe effettivamente necessario al fine di lanciare un segnale chiaro e deciso di rispetto del senso civico , in quanto Tuscolo non può essere considerato solo come un luogo dedicato alla semplice scampagnata ma come un’area di grande valore culturale, paesaggistico e archeologico.

Negli ultimi giorni sono stati rubati perfino i cartelli del divieto di fermata lungo la strada, come pure è stata asportata in parte, ed in altra parte demolita, la recinzione in legno della nuova zona di scavo archeologico situata nel vecchio parcheggio.
È stata rubata inoltre la grondaia con i relativi discendenti in rame dal manufatto in legno destinato all’ accoglienza situato nell’area di ristoro, e a cui proprio in questi giorni è stata asportata la pavimentazione esterna in legno.

Questi sono solo alcuni degli episodi che quotidianamente si verificano ma sono la prova tangibile che ogni giorno Tuscolo subisce furti e danni da parte di chi non sa cosa vogliano dire rispetto e civiltà e di chi soprattutto agisce indisturbato e senza essere punito.

“Vista la situazione – commenta il Presidente della Comunità Montana Giuseppe De Righi – intendo invocare direttamente l’interessamento dei Sindaci e di tutte le forze di polizia al fine di attivare o quanto meno potenziare la vigilanza dell’area, non solo per prevenire il ripetersi di fatti da condannare assolutamente, ma anche – prosegue il Presidente – per evitare l’uso scorretto del Parco Archeologico e Culturale e soprattutto per sanzionare quanti si permettono comportamenti difformi e lesivi del patrimonio pubblico. Ciò vale particolarmente per le festività di primavera, che sono l’occasione per la classica scampagnata, che comporta un consistente afflusso di persone”.

La Comunità Montana fa dunque appello al senso civico di quanti ogni giorno visitano Tuscolo, ma in particolar modo chiede a gran voce che venga finalmente considerato e quindi rispettato anche dalle autorità competenti il valore storico-culturale, archeologico, paesaggistico ed ambientale dell’area, al fine di mettere in atto ogni utile iniziativa che possa salvaguardare un patrimonio di tutti dal valore così grande. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti