Artigianato 4.0: on line la call per rigenerazione e riutilizzo ex Città Altra Economia

Campidoglio: Protagonisti del rilancio spazi CAE, idee e progetti su fablab, coworking, eccellenze produttive e innovazione
Redazione - 26 Marzo 2019

È’ on line la call per il recupero e il riutilizzo dei locali dell’ex Città dell’Altra Economia (CAE), finalizzata alla realizzazione di progetti di rigenerazione della struttura inserita nel complesso del Mattatoio.

Roma Capitale compie un nuovo passo per la realizzazione di progetti di rigenerazione del proprio patrimonio: obiettivo, quello di rilanciare l’area pubblica gestita in maniera disorganica per 18 anni, dandole nuova finalizzazione a beneficio della collettività e del tessuto produttivo d’eccellenza.

Nello specifico, l’area interessata – di circa 2.355 mq suddivisa in moduli – è da destinarsi all’avvio di attività imprenditoriali, secondo una doppia declinazione creativa e produttiva: fablab e coworking, artigianato d’eccellenza e makers. Focus su eventi espositivi, produzione e vendita, nell’ottica di una contaminazione fra tradizione e innovazione del “saper fare”, trasmissione di know how tra i professionisti di settore e nuovi trend dei talenti emergenti.

Finalmente ci siamo: Roma avrà il suo spazio dedicato all’imprenditoria 4.0. Un intervento concreto a supporto dell’ecosistema startup e delle aziende innovative che la capitale necessita da anni. Il tutto, in linea con i principi di rigenerazione urbana, innovazione tecnologica e sostegno al tessuto produttivo locale, valenza sociale e rilevanza occupazionale. Obiettivo, la creazione di un network di stakeholder, giovani imprenditori e creativi, che possano valersi di risorse pubbliche inutilizzate come rampa di lancio per le rispettive attività. Fare in modo che il talento incontri l’occasione: è la nostra risposta a questa sfida”, dichiara Carlo Cafarotti, Assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro di Roma Capitale.

Gli spazi attrezzati potranno anche ospitare attività socio-culturali, educative, laboratoriali ed esperienziali, rivolte principalmente a un target di famiglie, ragazzi e studenti. Vincolo per ogni attività economica, i principi di eco-compatibilità, trasparenza, equità e solidarietà, buona occupazione e partecipazione, in un quadro di coerenza con le destinazioni urbanistiche previste dal Piano di utilizzazione dell’ex Mattatoio.

La call è aperta a cittadini, esperti, operatori e stakeholder della comunità locale, anche riuniti in forma associata, le cui idee concorrano a migliorare il progetto di rifunzionalizzazione e rilancio dell’area durante il suo iter.

Un tassello importante all’interno di un percorso che, prendendo atto del grande lavoro fatto fino ad oggi per il recupero dell’intero complesso, deve necessariamente adeguarsi a un quadro mutato di norme, esigenze e bisogni. L’iniziativa si inserisce in un importante lavoro di ripianificazione che inserisce in un quadro organico le trasformazioni avvenute, l’imminente conclusione di importanti cantieri e guarda al futuro in un’ottica di adeguamento del progetto unitario dell’intero complesso agli attuali standard di pianificazione. E’ soprattutto necessario oggi ripensare le connessioni con il contesto, con la riduzione delle aree per la sosta delle auto come previsto dall’attuale piano regolatore, e riconsiderare il rapporto con le aree limitrofe dal Tevere al Monte dei Cocci e oltre”, spiega l’Assessore all’Urbanistica Luca Montuori.

Diversi i parametri di valutazione dei progetti presentati: cantierabilità, sostenibilità economico-finanziaria, contenuto innovativo, capacità di risposta a nuove sfide sociali e bisogni emergenti. Ma anche identità visiva del progetto, aspetti occupazionali e di sviluppo locale, impatto socio-ambientale, interesse pubblico perseguito, analisi del territorio e costruzione di reti e partnership tra realtà di settore.

Quanto all’area esterna del piazzale, sarà disponibile solo per manifestazioni ed eventi previo accordo con le strutture dell’Amministrazione competenti.

Oltre che sul sito del Comune, nella sezione dell’Albo Pretorio, tutte le informazioni sulla call sono disponibili sul portale on line del Dipartimento Turismo, Formazione professionale e Lavoro di Roma Capitale, al seguente link:

https://www.comune.roma.it/web/it/informazione-di-servizio.page?contentId=IDS245336

I partecipanti potranno visitare il complesso della ex CAE previo appuntamento da concordare con gli uffici via mail: formazionelavoro.sostegnoimprese@comune.roma.it.

Allo stesso recapito si potranno richiedere informazioni sul procedimento.

I partecipanti potranno inviare tramite PEC – all’indirizzo protocollo.turismoformarzionelavoro@pec.comune.roma.it – il formulario in formato pdf, riportando nell’oggetto della mail la seguente dicitura: “adesione alla CALL FOR IDEAS MATTATOIO/EX CAE”. In data 8 aprile, invece, sarà attiva la piattaforma dedicata per la partecipazione online, reperibile nella sezione “Processi partecipativi” del sito web di Roma Capitale.

Le proposte dovranno essere inviate entro e non oltre il 45° giorno dalla pubblicazione del presente Avviso


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti