Casa delle Tecnologie Emergenti alla Stazione Tiburtina: inizia la fase operativa

La Giunta approva schema di accordo di collaborazione tra Roma Capitale e i soggetti pubblici e privati 
Redazione - 3 Agosto 2021

Con l’approvazione in Giunta capitolina dello schema di accordo di collaborazione tra Roma Capitale e i soggetti pubblici e privati con cui avviare una partnership finalizzata alla gestione delle attività di accelerazione di startup e trasferimento tecnologico verso le PMI, inizia la fase operativa del progetto per la realizzazione della Casa delle Tecnologie Emergenti.

Ne dà notizia un comunicato stampa del Campidoglio che specifica che il progetto è finanziato dal MISE attraverso un bando che ha assegnato all’Amministrazione Capitolina circa 4,5 milioni di euro in tre anni. La Casa delle Tecnologie Emergenti, presso la Stazione Tiburtina, rappresenterà un Living Lab volto a fornire a nuovi talenti e imprenditori un banco di prova per sviluppare e sperimentare insieme prodotti, tecnologie, infrastrutture e servizi innovativi mirati all’accrescimento del benessere dei city users (cittadini, lavoratori, investitori, visitatori) e per l’attuazione del “Piano Roma Smart City” e del “Piano Tech Business”.

Imprescindibile per raggiungere questo scopo sarà la cooperazione tecnica con le Università, Centri di Ricerca, Startup, PMI innovative per potenziare ed espandere il bacino di know-how e di creatività presente sul territorio urbano e per agevolare il trasferimento delle competenze tecnologiche e l’accelerazione d’impresa.

Francesco FIGLIOMENI elezioni comune di Roma 2021

In attuazione degli indirizzi già espressi dalla giunta e per coniugare le competenze scientifiche di soggetti pubblici e privati con le esigenze del tessuto imprenditoriale e dei settori strategici sarà siglato un accordo fattivo con:

 research partner, soggetti qualificati e specializzati che abbiano percorsi di ricerca e di innovazione convergenti con gli obiettivi della CTE (come Università degli Studi di Roma ”Sapienza”, Università degli Studi “Roma Tre”, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” e Università “LUISS” Guido Carli);

– technical partner, ovvero imprese specializzate nella gestione di processi di innovazione quali trasferimento tecnologico e accelerazione di impresa sul territorio di Roma (come LVenture group s.p.a., Innova s.r.l. e Peekaboo s.r.l.).

 

A piccoli passi ci avviciniamo alla realizzazione della Casa delle Tecnologie Emergenti, – dichiara la Sindaca di Roma Virginia Raggi –  uno degli asset strategici per rafforzare l’ecosistema dell’innovazione a Roma. Con i suoi Centri di Ricerca, i suoi Atenei e le sue imprese tech la Capitale può diventare il punto di riferimento in tutta l’area del Mediterraneo della progettazione innovativa e della sperimentazione, mettendo a sistema tutto il potenziale di competenze e creatività che esprimono i soggetti coinvolti. Grazie ai partner qualificati con cui sottoscriveremo i prossimi accordi, vogliamo sostenere il tessuto produttivo capitolino innalzando il livello di competitività tramite nuove tecnologie e nuovi modelli di business, per essere pronti ad affrontare le sfide che ci attendono per il futuro.

Adotta Abitare A

Aggiungiamo un tassello importante alla concretizzazione di un progetto strategico che porterà Roma a competere negli scenari internazionali delle Smart City. Innovazione e sviluppo economico sono un binomio ormai imprescindibile e il nostro impegno per rispondere alla domanda sempre crescente di trasferimento tecnologico è massimo. In questa ottica, la sinergia tra pubblico e privato diventa lo strumento più efficace per rendere Roma più attrattiva e farla tornare a rivestire la sua leadership naturale come Capitale d’Italia nel catalizzare investimenti e risorse” conclude l’Assessore allo Sviluppo Economico e Lavoro di Roma Capitale Andrea Coia.

Pubblicità elettorale 2021 amministrative Roma

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti