In visita all’Antica Tenuta Giovanna di Armando Aquilani a Montalto di Castro

L'Azienda agricola biologica è stata recentemente premiata da Coldiretti e Codacons
Henos Palmisano - 30 Maggio 2019

In Italia sono in aumento le aziende agricole che si convertono a sistemi biologici di coltivazione dei prodotti, così come consiglia l’attuale Medicina dell’Alimentazione.
Per questo motivo sono andato a trovare Alessandra ed Armando Aquilani titolari della “Azienda Agricola Antica Tenuta Giovanna” a Montalto di Castro, recentemente premiata da Coldiretti e Codacons con il “Cibo amico 2019, Eccellenze del territorio, Premio amico del consumatore”.

L’Antica Tenuta Giovanna fu comprata dal nonno di Armando nel 1931 per poter allevare pecore di razza Sopravissana (= sopra Visso, località dove ebbe origine per l’incrocio tra le Merino spagnole e le autoctone), per la produzione della lana, latte e pecorino romano.
L’azienda, con l’evoluzione dei tempi, cambiò dall’allevamento ovino ad agricoltura intensiva.
Armando, sin dagli anni novanta capì che bisognava trasformare l’azienda tradizionale in una più moderna e al passo con i tempi e, quindi, cominciò a coltivare soltanto prodotti biologici (attestato dall’Istituto Mediterraneo di Certificazione), come grano, orzo, ceci, farro, amaranto, miglio, lenticchie, quinoia, goji, semi di lino e alcune piante medicinali come rosmarino, lavanda, issopo.

Tutti questi prodotti potrete trovarli in azienda già pronti per l’uso come le zuppe del villano e gli asparagi di eccellente qualità, ma anche il sapone , lo shampoo, il bagnoschiuma, il balsamo, sempre a base di prodotti biologici dell’azienda.

Sono anche disponibili gli oli essenziali di lavanda, rosmarino ed issopo. .Una sapiente miscela di tutti questi prodotti si possono gustare nelle “Zuppe del Villano”, minestre tradizionali, che in tempi di carestia rappresentavano una grande risorsa contro la fame e che, adesso, sono assolutamente consigliabili nelle diete ben equilibrate.
Un altro consiglio per i buongustai potrebbero essere i fusilli o le penne di grano Khorasan (Triticum turanicum) con guanciale, asparagi e pecorino oppure per chi fa dieta dimagrante e/o per chi è vegetariano, si può sostituire il guanciale con melanzane arrostite alla griglia, ne risulterà un piatto gustosissimo.

Il grano Khorasan prende il nome dalla regione iraniana dove fu riscoperto e descritto nel 1921, ma è noto commercialmente come Kamut (significa grano, dal geroglifico dell’antico Egitto), che è il marchio registrato dell’azienda americana fondata da Bob Quinn nel Montana.

Le farine e la pasta del punto vendita vengono trasformati da mulini con macinazione a pietra e pastifici biologici.
“Noi vendiamo soltanto ciò che produciamo”, ci tiene a precisare Armando, ” perché l’attività di trasformazione e vendita è stata fatta soprattutto per valorizzare l’azienda agricola…..noi ci caratterizziamo per la produzione di prodotti di nicchia”…, difatti rimango piacevolmente sorpreso per la coltivazione di alcuni prodotti inusuali come le bacche di goji, l’amaranto, l’issopo, la quinoia.

La simpatia e cordialità di Alessandra e Armando mettono a proprio agio il visitatore ed io vengo completamente affascinato anche dalla professionalità e passione che trapela in tutto ciò che fanno.
Per chi volesse direttamente vedere come si producono prodotti biologici ed ovviamente cibarsene, può prenotare presso l’Agriturismo “Casalino dei Francesi”, cosiddetto per la battaglia che in questa località si tenne nel 1798 tra le truppe del regno di Napoli e quelle Francesi.

Infine, cosa di grande interesse culturale ed artistico, l’agriturismo si trova vicinissimo a Vulci, dove si trova la tomba Francois, straordinaria tomba etrusca scoperta da Alessandro Francois nel 1857, unica del suo genere perché i suoi affreschi (oggi a Villa Albani, Roma) narrano un episodio di guerra in cui oltre ai fratelli Vibenna si distingue facilmente l’eroe Mastarna, cioè Servio Tullio, sesto re di Roma.

L’Antica Tenuta Giovanna e l’Agriturismo Casalino dei Francesi si trovano a Montalto di Castro; sia per chiarimenti sui prodotti, che per passare un fine settimana potete contattare il numero di tel/fax: 0766.898711.

 

Henos Palmisano


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti