Lavori pubblici per la Palmiro Togliatti

Ciocchetti: "è necessaria una corsia centrale dove far viaggiare solo i tram"

Le lamentele e le proteste dei cittadini romani rispetto al problema della mobilità del corridoio della Palmiro Togliatti sono state accolte. Sembra, infatti, che il disagio per i cittadini stia per essere risolto. Un anno fa l’Udc raccolse numerose firme, sollevando una questione più profonda di quanto si immaginasse, da parte degli abitanti della zona.

“Sono contento che l’agenzia Roma Servizi per la mobilità pensi di realizzare un tram di nuova generazione per risolvere il problema del corridoio di mobilità della Palmiro Togliatti” spiega l’assessore all’Urbanistica della Regione, Luciano Ciocchetti. “Sarebbe – continua – una scelta positiva, strategicamente e lungimirante, utile nella realizzazione di un vero collegamento interconnesso con tre linee metropolitane e con quattro arterie consolari fondamentali della città”.

Il disegno del nuovo sviluppo urbanistico di Roma dovrebbe essere sempre preceduto dalla realizzazione di trasporti su ferro anche leggero, interconnessioni con le reti delle metropolitane. Il piano del nuovo sviluppo urbanistico sta per essere avviato.

“E’ necessaria – aggiunge Ciocchetti – una corsia centrale dove far viaggiare solo i tram, forse basterebbero tre linee:  si diminuirebbe il traffico e si garantirebbe molta più sicurezza a quella zona di Roma, perché adesso alcune fermate degli autobus sono in mezzo alla strada”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Commenti

  1. Aldo Pirone  

    Sul progetto Tram lungio viale Togliatti (da Saxa Rubra a Laurentina il tracciato completo) vi è una delibera di iniziativa popolare promossa con oltre diecimila firme di cittadini raccolte nel 2005 e APPROVATA ALL'UNANIMITA' DAL CONSIGLIO COMUNALE nel marzo 2006 (delibera 37/2006). Quindi la decisione già c'era, manca il progetto esecutivo. Di annunci in questo senso ne abbiamo avuti diversi in questi anni. Ma di atti concreti ancora niente. Almeno per il tratto Ponte Mammolo-Cinecittà che dovrebbe mettere fine alla vergogna del corridoio "Tafazzi". Speriamo bene.

  2. auboldo  

    Meglio tradi che mai. ma speriamo che lo facciano al piu presto possibile e non come è stato detto in otto anni e magari prendano seriamente in considerazione il prolungamento piazza cinecittà / Laurentina e Ponte Mammolo / Montesacro che consentirebbe un alleggerimento delle linee A e B della metro

  3. Cittadino  

    E aggiungerei inoltre che il corridoio ormai denominato dell'IMMOBILITA' ha generato più traffico, inquinamento acustico, atmosferico, ed estremamente pericoloso. Ricordo che perse la vita una bambina. Le fermate dell'autobus oltre ad essere in mezzo la strada sono state "piazzate" nei peggior punti di come potevano dare più fastidio possibile. Sono all'altezza di un bar angolo via dei meli dove in quel punto la carreggiata diviene ad UNA CORSIA per lo spazio occupato dalla banchina della fermata e le auto parcheggiate in doppia fila per andare al bar. In ultimo la fermata in prossimità del capolinea del tram da sinistra obbliga poi l'autobus a tagliare la strada (con servizio dedicato di semaforo ad hoc) per dirigersi alla prossima fermata posta sul lato destro. Da sopprimere chi ha progettato questo scempio costato milioni di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati