Metro C, consegnato il Pozzo multifunzionale 3.3 dei Giardini Via Sannio

Per il pre-esercizio dell'Esercente Atac. Prossimamente treni più rapidi da San Giovanni
Comunicato stampa - 18 Giugno 2021

Il Contraente Generale Metro C ha consegnato a Roma Capitale il Pozzo Multifunzionale 3.3, posto nei Giardini di Via Sannio, per il pre-esercizio da parte di Atac propedeutico all’attivazione della 4ª fase funzionale Monte Compatri/Pantano – San Giovanni (Pozzo 3.3).

“La consegna del Pozzo Multifunzionale 3.3 – informa in un comunicato il contraente generale – segue il pre-esercizio svolto da Metro C dal 29 aprile al 5 maggio 2021, che ha permesso di testare gli impianti, di sistema e non, e la connessione doppia tra i binari. Ottenute tutte le autorizzazioni necessarie da parte degli Enti competenti, oggi, 18 giugno 2021, è stato sottoscritto il verbale di consegna e l’opera è stata trasferita, attraverso Roma Capitale, ad ATAC (Esercente della linea) per l’avvio del pre-esercizio di propria competenza.

Il Pozzo Multifunzionale 3.3

L’attivazione del Pozzo Multifunzionale 3.3 permetterà di ridurre il tempo di inversione dei treni al capolinea di San Giovanni. La comunicazione doppia tra i binari, c.d. configurazione “a croce”, infatti, consentirà di implementare le funzionalità della tratta di linea attualmente in esercizio. Attraverso i nuovi scambi ferroviari, i treni della Linea C potranno in questo modo transitare in maniera veloce ed efficiente da un binario all’altro, realizzando la cosiddetta “inversione a coda”. Ne deriverà un’ottimizzazione dei flussi della tratta in esercizio ed un complessivo miglioramento della fruibilità del capolinea San Giovanni, dove una singola banchina potrà essere dedicata al carico dei passeggeri e l’altra alla discesa.

Il Pozzo Multifunzionale 3.3 è stato dotato di un locale denominato SER (Signalling Equipment Room) per il segnalamento ATC (Automatic Train Control), dedicato alla gestione della circolazione in automatico dei treni.  All’interno del Pozzo, è inoltre ubicato un ascensore di accesso per i vigili del fuoco. Tutti gli apparati e gli impianti sono stati realizzati nel rispetto delle più recenti normative antincendio e di sicurezza e collaudati tramite specifiche procedure di prova.

Nella realizzazione del pozzo, grande attenzione è stata prestata al contesto urbano. Grazie al contributo progettuale della Soprintendenza Speciale Archeologica Belle Arti e Paesaggio di Roma, l’architettura dell’ingresso al Pozzo si integra armonicamente con la nuova sistemazione dei sovrastanti giardini di Via Sannio, oltre che con le preesistenti Mura Aureliane, coniugando una concezione moderna degli allestimenti degli spazi con l’opportunità di valorizzare i tanti reperti archeologici rinvenuti nel corso degli scavi.

Quarta fase funzionale Monte Compatri Pantano – San Giovanni (Pozzo 3.3)

Il Pozzo 3.3 rappresenta il terminale della 4ª fase funzionale dell’intera linea Monte Compatri/ Pantano – San Giovanni (Pozzo 3.3) ed è il primo pozzo realizzato nella tratta T3 San Giovanni – Fori Imperiali della Linea C.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti