Cronaca  

“‘Na morte stronza”: poesia dedicata a Gabriele Sandri

Sabato 17 novembre, nelle discoteche di tutta Italia, alle ore 2.30, un minuto di silenzio per Gabriele
Riceviamo e pubblichiamo - 14 Novembre 2007

Di seguito una poesia dedicata alla tragica scomparsa di Gabriele Sandri:

‘Na morte stronza

A regà ma ‘n do’ annate, che fate
tornate qua, nun me va de pià legnate!
Capirai, ciò l’occhi ‘mpastati, nun ho dormito gnente,
ho fatto tanto tardi pe’ fà divertì la gente.

Mo me sdraio qua dietro e schiaccio ‘n pisolino
Come quanno me portava ‘n machina mi padre da rigazzino.
Dietro fa ‘n po’ freddo, è proprio un grande strazzio
Che me frega, stasera me ripio, vado a vedè la Lazzio!

Ma quanto è passato, due, tre ora ar massimo
ma l’amichi mia ‘ndo stanno, li possino
Ciò freddo, paura, ma che è …. so’ tutto ‘nsanguinato
Mammina mia, ‘ndo stai, ma ch’hanno combinato.

‘No sparo, le botte, li pianti ‘a polizia?
E mo’ basta vojo a mi regazza ‘a famia, l’amichi mia!
Nun ciò più le forze, smetto da lottà
Me ne vado da ‘sto monno, colmo de stupidità.

Tranquilli Ma’, Pa’, fratello caro
vado a stà mejo, Lì nun esiste er baro.
Passerò la notte insonne pe’ parla’ co’ Dio
merito ‘n posto bello, je lo chiedo a modo mio.

(er poeta metropolitano)

Adotta Abitare A

Ad accompagnare la poesia, anche la notizia di un’iniziativa, rivolta a tutti, dj’s, organizzatori e pr di tutta Italia. "Sabato 17 novembre, in occasione delle vostre serate, alle ore 2.30 (nel pieno della serata), bloccate la musica e rispettate un minuto di silenzio per Gabriele.
Un gesto simbolico e semplice, di civilta’ e rispetto verso questo ragazzo, i suoi amici e la sua famiglia, anche in risposta alla violenza di questi giorni, che certo non ha onorato la morte di Gabriele e nella quale, assolutamente, l’Italia civile non si riconosce".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti