Ostia, al via i lavori di ripristino barriera e scogliere di protezione per il litorale

I lavori si spanderanno per circa 2,5 km, dal Canale dei Pescatori al Pontile di Ostia

Sono iniziati i lavori di ripristino e risagomatura per rendere di nuovo efficienti la barriera sommersa e le scogliere di protezione davanti al tratto di litorale di Ostia centro, come spiegato dall’assessore alla Tutela del territorio della Regione Lazio, Fabrizio Ghera, il tutto si svilupperà per circa 2,5 km, dal Canale dei Pescatori al Pontile di Ostia.

“Era da troppo tempo che non si interveniva per la salvaguardia di questo tratto di litorale.
Con questi lavori – prosegue Ghera – verrà ripristinata la barriera di scogli che negli anni si è deteriorata, perdendo così la sua funzione di protezione. Si tratta di un intervento necessario per difendere la costa dal fenomeno dell’erosione e che garantirà la sicurezza di tutte le persone che durante la bella stagione si recano in quel tratto di spiaggia, dove tra l’altro, sono presenti numerose strutture e attività, che ogni anno corrono il rischio di subire gravi danni a causa delle mareggiate invernali.

Quello dell’arretramento della costa è un problema che va affrontato in maniera strutturale, non solo attraverso interventi tampone, per questo la Regione è al lavoro per reperire ulteriori risorse e programmare nuove misure a favore del nostro litorale”, conclude l’Assessore.

Per questo intervento sono stati stanziati 2,5 milioni di euro e, in questa prima fase dei lavori, si stanno realizzando le piste di cantiere per l’accesso alle scogliere che si trovano a circa 100 metri dalla riva nel tratto compreso dal Canale dei Pescatori fino al Pontile di Ostia. Successivamente si passerà al salpamento degli scogli che si trovano al di fuori della sagoma progettuale per poi mettere in mare una serie di massi naturali da 1.000 kg e 3.000 kg, necessari per ripristinare lo stato originario della barriera sommersa e delle scogliere di protezione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati