Piazza S. Giovanni non era la “piazza dei cattivi”

Una nota, e filmati dal TG Roma Talenti sulla manifestazione del 16 ottobre 2011
Enzo Luciani - 16 Ottobre 2011

"A piazza S. Giovanni nel pomeriggio di sabato 15 ottobre 2011, prima dei disordini, si svolge una manifestazione affollatissima pacifica, tranquilla, bella, ed in taluni momenti anche folcloristica, ricca di espressioni e contenuti, manifestati in una miriade di striscioni, cartelloni, cartelli più piccoli, ed ogni altro possibile mezzo". Lo scrive, in una nota, il TG Roma Talenti.

"Questo va ribadito – prosegue la nota – perché dai servizi di tante televisioni emerge che invece piazza S. Giovanni era la piazza dei ‘cattivi’, di quelli che protestavano con violenza, ma nelle fasi iniziali dell’arrivo della testa del corteo non lo è assolutamente stata, guardate bene il video! Come conferma una signora in un intervista rilasciata qualche minuto prima, la manifestazione resta pacifica sino a pochissimo prima dello scoppio dei disordini, che seguono ad un’azione condotta da parte della Polizia con gli idranti dall’imbocco di via Emanuele Filiberto verso la piazza. Condanniamo con forza le violenze, ma sottilineiamo che in quel momento la piazza era pacifica, e che, se c’era da fare giustificata opera di interdizione verso i black-block, questa doveva essere condotta non da via E. Filiberto verso la piazza, ove vi era una moltitudine di gente pacifica, ma bensì dalla piazza stessa verso via E. Filiberto, proprio al fine di non far entrare a piazza S. Giovanni questi provocatori, difendendo così la cittadinanza e la sua libertà di manifestare, ma soprattutto avvalendosi anche della sua importante opera di presidio".

"Scoppiati i disordini – conclude la nota – abbandonata la piazza da parte della grande maggior parte dei mainfestanti pacifici, che si erano opposti anche qui ai Black-Block, è stato più facile per i teppisti avere la meglio ed abbandonarsi a saccheggi, devastazioni e scorribande contro le forze dell’ordine, poi protrettesi sino a notte".

Due video


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti