Romanzo Criminale a Roma

Mercoledì Alemanno incontrerà il Ministro dell'Interno
Enzo Luciani - 11 Luglio 2011

Domenica 10 luglio, nel giorno della fiaccolata organizzata per commemorare Flavio Simmi, il gioielliere ucciso a Prati, in un agguato in piena regola, un altro episodio criminale sconvolge Roma a dimostrazione che nella capitale si è scatenata una vera e propria guerra fra bande. Intorno alle 22, in via Diego Angeli, nel quartiere di Casal Bruciato, due persone in sella ad una moto e con caschi integrali in testa, hanno sparato a Giulio Saltalippi, un pregiudicato di 33 uscito da pochi mesi dal carcere. Saltalippi avrebbe tentato di fuggire in piazza Balsamo Crivelli prima di accasciarsi a terra. Il pregiudicato, colpito da due proiettili, uno all’addome, l’altro alla gamba, è stato trasportato all’ospedale Sandro Pertini e operato d’urgenza. Le sue condizioni sono gravi.

Francesco Pasquali, Capogruppo di Futuro e Libertà alla Regione Lazio, in una nota dichiara:“La Capitale che ci descrivono i giornali sembra quella dipinta da Giancarlo De Cataldo nel suo ‘Romanzo Criminale’. Quasi ogni giorno le cronache ci parlano di aggressioni, spedizioni punitive, omicidi. La deriva delittuosa a cui assistiamo è anche il frutto di tre anni persi nell’immobilismo e nella propaganda da parte dell’Amministrazione Alemanno”.

Anche per il segretario romano del Pd Marco Miccoli l’ennesimo agguato è "la dimostrazione del fallimento delle politiche del Comune anche in tema sicurezza". "Chiediamo – ha detto Miccoli – al ministro degli Interni Maroni di intervenire al più presto affinché in città tornino quella serenità e tranquillità che erano da sempre un dato costante della nostra città".

Intanto, mentre Roma assiste attonita a questa escalation di violenza, Alemanno conferma l’incontro di mercoledì con il Ministro ribadendo la necessità di un intervento dall’alto.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti