Dar Ciriola asporto

Scritte antisemite per boicottare i viaggi Cts in Israele

Anche manifesti presso le sedi del Centro Turistico Studentesco nelle zone della Cecchignola, Centocelle, Quadraro e Monteverde
di Maria Giovanna Tarullo - 31 Luglio 2009

Nella notte di mercoledi 29 luglio sono comparse sulle serrande e sui muri adiacenti le agenzie di viaggio Cts (Centro Turistico Studentesco) manifesti e scritte antisemite contro lo stato d’Israele.

Le scritte apparse nelle zone della Cecchignola, Centocelle, Quadraro e Monteverde si riferiscono alla protesta messa in atto contro la campagna del Cts per la promozione del turismo in Israele.

Le agenzie hanno promosso l’iniziativa, che prende il nome de «Il bello di Israele», intrapresa in collaborazione con l’Ufficio del Turismo di Israele e la compagnia aerea El Al e invita a recarsi in quei luoghi «affascinanti e multiformi, non lontani, e perfettamente adatti ai giovani».

Ma a quanto pare proprio alcuni giovani facenti parte del gruppo «Antirrazzisti e antirazziste», hanno firmato i manifesti affissi ai muri.
Le frasi scritte invitano a «boicottare Israele» con messaggi come: «boicotta Israele, rifiuta l’apartheid. Solidarietà attiva al popolo palestinese» a firma «Gruppo antirazzisti e antirazziste».

Mentre nel quartiere Monteverde una scritta esplicita invita a boicottare «il turismo sionista». Al Quadraro sono stati affissi alcuni manifesti riportanti la carta geografica di Israele e Palestina e i luoghi del conflitto.

Il gesto antisemita è stato duramnete condato dal sindaco Gianni Alemanno, dal presidente della provincia Nicola Zingaretti e dal presidente della regione Lazio Piero Marrazzo.
Il presidente Piero Marrazzo ha dichiarato: ”Trovo paradossale che chi vorrebbe manifestare contro il razzismo faccia ricorso a campagne di boicottaggio e si riservi il diritto di criticare indiscriminatamente un intero Paese e un intero popolo.Gli attacchi a Israele fuori da alcune agenzie di viaggi romane confermano la necessita’ di tenere alta la guardia su fenomeni che vanno sempre condannati con la massima forza, poiche’ rischiano di alimentare un clima di odio e di mettere in dubbio alcuni principi irrinunciabili come il diritto all’esistenza e alla sicurezza di Israele”.
Mentre il presidente della provincia Zingaretti commenta: ”Le scritte e i manifesti comparsi nei pressi di alcune agenzie turistiche a Roma che invitano a boicottare Israele sono infami e vergognose hanno un innegabile sapore antisemita e richiamano alla memoria una delle pagine piu’ buie della nostra storia, quella dell’intimidazione e della discriminazione contro gli ebrei.
Sono convinto che il sentimento di tutti sia di piena solidarieta’ e di profonda distanza da chi vuole generare un clima di contrapposizione che non serve a nessuno”.
Infine Alemanno ha sottolineato: ”Desidero esprimere solidarieta’ allo Stato d’Israele e alla Comunita’ ebraica di Roma per gli spregevoli manifesti antisemiti che invitano a boicottare il turismo in Israele – Oltre la condanna assoluta di questi ignobili gesti, aggiungo che ho avuto modo di recarmi per tre volte in Israele e ritengo che sia una fantastica meta turistica per la bellezza dei suoi paesaggi e per il suo inestimabile patrimonio storico e culturale. Ho dato disposizione affinche’ scritte e manifesti vengano immediatamente rimossi”.

L’ufficio del decoro urbano del Comune di Roma lavorerà per rimuovere i manifesti e cancellare le tutte le scritte.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti