Scuole Sicure e Campagna sicurezza per gli anziani

Incontri e seminari della Questura di Roma nei quartieri Tuscolano, Prenestino, San Paolo e ad Anzio

Nel progetto “Scuole Sicure” indirizzato ai giovani cittadini e negli incontri con gli anziani per la prevenzione delle truffe a loro danno prosegue l’impegno della Questura di Roma, in particolare attraverso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico.
Oltre ai poliziotti dell’UPGSP gli incontri sono svolti dal personale dei Distretti/Commissariati di zona appositamente formato che vanta una decennale esperienza sul territorio.

Nei giorni scorsi presso l’aula Magna del Liceo Artistico Statale “G.C. Argan”, succursale di via Contardo Ferrini, i poliziotti del Commissariato Tuscolano hanno incontrato 81 alunni e docenti affrontando i temi del bullismo, dell’uso consapevole della rete e i relativi aspetti giuridici nonché i pericoli legati all’uso di sostanze stupefacenti da parte dei giovanissimi, oltre a spiegare i compiti assolti quotidianamente dalla Polizia di Stato.
Sempre gli agenti del Commissariato Tuscolano hanno svolto, presso la Parrocchia “Santa Maria Domenica Mazzarello” di piazza Salvatore Galgano, un incontro volto alla campagna di prevenzione contro le truffe e i raggiri ai danni degli anziani che ha visto la partecipazione di circa 150 persone.
Successivamente, presso il comitato di quartiere “Cavalieri del Lavoro”, promotore dell’evento, è stato distribuito materiale informativo (locandine e brochure) studiato e realizzato dagli specialisti della Questura di Roma. Gli agenti hanno evidenziato l’importanza di contattare il Numero Unico di Emergenza 112 in caso di bisogno, anche illustrando l’app YouPol, e hanno ribadito l’invito a non esitare a contattare le Forze dell’Ordine per qualsiasi dubbio o necessità, soprattutto se avvicinati da estranei che avanzano richieste di denaro.

Nel quartiere Prenestino, 90 alunni dell’Istituto di Istruzione Superiore “Giorgi-Woolf” di via Palmiro Togliatti e 83 delle scuole medie dell’Istituto Comprensivo di via dei Sesami, unitamente ai professori, hanno ascoltato con attenzione i poliziotti del V Distretto Prenestino che, in due distinti incontri, hanno affrontato i temi del Bullismo, del Cyberbullismo, dell’uso consapevole dei Social e nuove dipendenze.

Inoltre, gli agenti dell’XI Distretto San Paolo, nell’ambito del protocollo per la lotta alla dispersione scolastica e a tutela dei minori sottoscritto con il Municipio Roma XI e altri Enti del territorio, hanno effettuato presso l’I.C. “Gramsci” di via Affogalasino, una formazione a tutti i membri del tavolo di rete municipale.
Il seminario ha riguardato, come materia, “L’intervento legale e giudiziario nella violenza su donne e minori – criteri di segnalazione in caso di maltrattamento o abuso” ed ha coinvolto circa 40 persone appartenenti a vari enti territoriali tra cui il Consultorio, i Servizi Sociali, il Dipartimento di Salute Mentale, l’Asl Roma 3, Polizia Roma Capitale XI Gruppo, docenti e dirigenti scolastici.

Infine i poliziotti del Commissariato di Anzio-Nettuno, nell’ambito della “settimana dello studente”, hanno incontrato presso l’Aula Magna dell’Istituto “M. G. Apicio” di via Nerone di Anzio, gli studenti dell’Istituto Tecnico Nautico “Marcantonio Colonna” e, nell’ambito del progetto “Frequentiamo” organizzato dalla Cooperativa Sociale “La coccinella”, quelli dell’Istituto Tecnico professionale “Emanuela Loi” di Nettuno.
Nel corso degli incontri sono stati illustrati i temi della sicurezza sul web e sottolineate le insidie dei Social. Nella circostanza i giovani sono stati invitati ad approfondire la conoscenza del lavoro e dell’impegno quotidiano degli operatori di Polizia volto a garantire il bene prezioso della sicurezza. Numerosi studenti hanno, altresì, partecipato ad un ulteriore incontro con gli agenti del medesimo Commissariato, organizzato dal Rotary Club Costa Neroniana di Anzio nell’ambito del progetto denominato “Sbulloniamoci”, tenutosi presso il II° Istituto Comprensivo di Anzio di via Acqua del Turco che ha trattato le tematiche connesse al “bullismo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati