“SportPerTutti”, presentato il progetto al Fulvio Bernardini Uisp

Illustrata in conferenza stampa l’azione “Uisp4Sustainability” che vedrà coinvolto direttamente il Centro Sportivo di Pietralata
Marco Picozza - 17 Ottobre 2022

La conferenza stampa di venerdì 14 ottobre 2022 è stata aperta dal Responsabile comunicazione UISP Roma Sergio Pannocchia, che ha illustrato come Il progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, coinvolga 16 regioni italiane e parta dal presupposto centrale di valorizzare lo sport e l’attività fisica quali strumenti prioritari per supportare il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030, avendo una particolare attenzione alle città ed alla dimensione urbana nel suo complesso.

Il progetto in generale prevede 5 diverse azioni: “Living Lab regionali” – sport e attività fisica per raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda 2030; “Animatore sportivo territoriale” – Azione Sportous; “Voucher Sport per Tutti” – Azione Sportous; “Sport impact Lab”, che intende attivare un servizio di incubazione delle idee per promuovere lo sviluppo di nuove professioni ed imprenditorialità sportive; e per finire “UISP4Sustainibility” – Mobilità semplice. Ed il Centro Bernardini sarà appunto il soggetto cui è affidata quest’ultima azione, incentrata su un sistema di promozione e valorizzazione della mobilità dolce, attraverso la definizione di “piani per la mobilità sostenibile e lo sviluppo di sistemi innovativi finalizzati alla contabilizzazione ambientale dei chilometri trasferiti dalla mobilità motorizzata a quella dolce”. L’azione UISP4sustainability ha infatti un’attenzione alla sostenibilità soprattutto dal punto di vista ambientale, e muove le basi dall’idea di definire delle linee guida che possano diventare delle buone pratiche da esportare nel mondo associativo in generale.

Nello specifico, l’idea progettuale, che muove le basi da uno studio della società “Simurg Ricerche”, ha come fulcro l’analisi del movimento casa-sport per misurare l’impatto sostenibile di tali spostamenti, monitorabile attraverso una App che misurerà i chilometri che gli utenti percorreranno per andare dalla propria abitazione al Centro Bernardini, nonché le modalità di spostamento con cui tale percorso sarà coperto.

Nell’illustrazione dell’idea cardine che è dietro al progetto, Simone Menichetti, Presidente UISP Roma, ha iniziato il suo intervento ricordando che Roma è una città molto difficile per quanto riguarda il tema della mobilità sostenibile, e ciò quindi rappresenta una sfida doppia per i soggetti che intendono approcciare ad un progetto di tale natura. Il Centro Bernardini ha sempre avuto un grande vantaggio rispetto a realtà sportive presenti in altri territori, ossia la presenza di un ampio parcheggio, ma ciò ha sempre spinto gli utenti a recarsi presso il centro con i loro mezzi privati; ciò che si vuole proporre attraverso “Uisp4Sustainability” è un’inversione di tendenza e quindi un capovolgimento delle modalità, incentivando la mobilità sostenibile, sia attraverso lo strumento del Car Pooling sia soprattutto attraverso l’utilizzo della bicicletta e dei mezzi pubblici, che però spesso rappresentano un tasto dolente nelle politiche territoriali cittadine. Lo strumento fondamentale per monitorare la “bontà” delle azioni degli utenti, come ricordato anche ad inizio presentazione, sarà monitorato dall’App specifica, ma la grande necessità sottolineata più volte sarà quella di avere un rapporto costante con le istituzioni poiché le azioni devono necessariamente essere incentivate da tutti gli attori del territorio. La Co-progettazione è quindi elemento necessario, e per arrivare a tale modalità tutte le azioni messe in campo non devono essere viste come interventi o avvenimenti a sé stanti, bensì come elementi che costituiscano l’inizio o il proseguimento di un percorso comune tra tutti i soggetti interessati.

L’Assessore alle Politiche culturali, Sport, Lavoro e Diritti civili del IV Municipio Maurizio Rossi, ha esordito ricordando di quando nel 1985 l’impianto Bernardini ha visto la luce, rendendo fieri gli abitanti del territorio di un simile fiore all’occhiello, evocativo anche nel nome. Rossi ha dichiarato il favore con cui il Municipio ha accolto la possibilità di dare un contributo concreto ad un progetto incentrato sulla mobilità sostenibile. Un progetto simile, che ha visto un suo fisiologico stop nel periodo di punta del Covid -vista la difficoltà di far passare il messaggio del Car Pooling in un momento in cui veniva chiesto distanziamento- deve essere agevolato quanto più possibile, ora che le attività stanno lentamente riprendendo il via. Inoltre, Rossi ha sottolineato come contemporaneamente alla sostenibilità legata alla mobilità si debbano cercare soluzioni volte alla riconversione degli impianti energetici del centro sportivo, favorendo progetti che prevedano la produzione di corrente per l’impianto a partire da fonti rinnovabili. “Dobbiamo far sì che Sport per tutti non sia solo uno slogan” ha concluso Rossi, ricordando che “se gli impianti non ce la fanno coi costi energetici, è normale che poi questi si troveranno a dover aumentare loro malgrado i costi dei servizi e delle rette, limitando così fortemente la partecipazione agli utenti degli impianti”.

Tiziano Pesce, Presidente nazionale UISP, ha voluto sottolineare come con tale progetto la sua organizzazione abbia voluto accogliere le sfide della nuova riforma del Codice del Terzo Settore (Decreto Legislativo n. 117 del 3 luglio 2017), impegnandosi in questi mesi come rete associativa nazionale che ha visto una sua declinazione territoriale in 26 comitati territoriali. Nello specifico Pesce ha ricordato come nel marzo 2022 il Comitato Economico e Sociale Europeo (CESE) abbia emesso un parere fondamentale nell’ambito dello sport, sollecitando l’Unione Europea a “rendere più visibili nella politica comunitaria i valori che lo sport e l’attività fisica rappresentano, garantendo loro piena dignità al pari delle altre politiche europee. Non solo quindi politiche di coesione, ma un vero percorso di emancipazione, ovvero la visione di una vera e propria transizione sportiva, che valorizzi significativamente l’impatto prodotto sulla salute, sul benessere delle persone e sulla qualità della vita”. Il progetto, ha quindi concluso il Presidente Pesce, ha l’obiettivo ambizioso di presentare azioni che possano dimostrare come si possa uscire realmente e concretamente dall’emergenza Covid.

Alessandro De Paolis, Direttore dell’impianto sportivo Fulvio Bernardini, ha illustrato come lo studio Simurg abbia sostanzialmente fatto una foto dell’utilizzo della mobilità sostenibile da parte degli utenti. Da tale mappatura, deriva la necessità implementare l’utilizzo di tale tipo di mobilità, e per arrivare a tale incremento il progetto ha previsto anche l’utilizzo di un meccanismo di premialità attraverso il monitoraggio tramite l’utilizzo dell’App. E’ comunque necessario, ha concluso De Paolis, che di pari passo all’impegno degli attori del progetto sia presente una costante interlocuzione con le istituzioni, al fine di mettere mano insieme alle problematiche che si dovessero presentare in fase di attuazione del progetto.

In chiusura di presentazione Andrea Torre, Amministratore Unico UISP Roma Work in Progress, ha quindi illustrato come la Work in Progress – società di gestione dell’impianto Bernardini- procederà nei vari passaggi di attuazione progettuale, iniziando in maniera prioritaria un’azione di sensibilizzazione interna per gli addetti ai lavori, ivi inclusi anche i referenti delle varie ASD che lavorano all’interno del Centro. Contemporaneamente la società si adopererà anche in attività pratiche, tra le quali ad esempio la creazione di stalli ciclabili coperti da tettoie. Vi sono inoltre diverse tematiche più complesse, non risolvibili con il solo lavoro di chi è direttamente coinvolto nel progetto, e tra queste troviamo l’ampliamento delle zone di car sharing (attualmente non presenti sul territorio circostante il Centro) e l’ampliamento delle piste ciclabili; tali elementi devono rappresentare uno stimolo obbligato per le istituzioni, a partire da Atac, che dovranno quindi rappresentare un supporto importante e necessario per la buona riuscita del progetto.

Dar Ciriola

Nel ringraziare tutti i presenti, gli organizzatori al termine della conferenza hanno quindi invitato gli intervenuti ad un aggiornamento comune nei prossimi mesi per verificare assieme al territorio lo stato di avanzamento del progetto presentato.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti