Successo per il convegno “La Via Francigena. Il lungo cammino dell’identità europea”

Un viaggio nello spazio, nel tempo e nel futuro
Maria Giovanna Tarullo - 22 Novembre 2015

Venerdì 20 novembre 2015, presso la Sala Consiliare del Municipio V (via G. Perlasca, 39), si è svolto il convegno “La Via Francigena. Il lungo cammino dell’identità europea” promosso dall’Associazione “Alternativa Europea”, l’Associazione Europea “Vie Francigene” e l’Associazione Onlus “Le Vie della Fede”.

Davanti una platea trepidante e curiosa di addentrarsi nell’incantevole storia della Via Francigena, l’archeologa Olga Di Cagno affidandosi ad una citazione del “sommo poeta” Dante Alighieri ha dato il via alla serata introducendo il primo intervento della presidente dell’Associazione “Alternativa Europea” Olimpia Troili.

CONVEGNO FRANCIGENAQuest’ultima, con grande entusiasmo, ha parlato di come è nata la sua passione per la Via Francigena attraverso Enzo Carpenella e di come questo percorso possa diventare un simbolo per l’unione di diverse culture, fortificando così il dialogo e abbattendo barriere che se estremizzate portano all’odio e alla morte. La Troili ha concluso invitando i giovani ad intraprendere il viaggio lungo la Via Francigena non solo per scopi spirituali, ma sopratutto per comprendere come questo possa incrementare la loro identità europea.

Poi, la parola è passata al presidente dell’Associazione Europea “Vie Francigene” Massimo Tedeschi che ha raccontato la nascita – più di dieci anni fa – di questa associazione cresciuta poco a poco grazie all’adesione dei sindaci, il cui territorio viene compreso nella Via Francigena. Tedeschi ha sottolineato l’importanza della coesione tra istituzioni, associazioni, comuni e gli stessi pellegrini, protagonisti indiscussi, per far conoscere e valorizzare questo percorso che va da Canterbury a Roma e oltre.

Altro protagonista della giornata è stato Michele Baldi, capogruppo della Lista Civica Nicola Zingaretti, che ha ringraziato Enzo Carpenella per avergli trasmesso la passione per la Via Francigena. Proprio quest’amore l’ha portato ad impegnarsi presentando un’interrogazione allo scopo di ottenere lo stanziamento di fondi, come avvenuto per la parte Nord del percorso, anche per il Sud così da valorizzarlo e renderlo più accogliente per i pellegrini che lo attraversano.

IMG_6502Importante l’intervento di Enzo Carpenella, vice-presidente dell’Associazione Onlus Le Vie della Fede e delegato per la provincia di Roma dell’ Associazione europea “Vie Francigene”, che ha sottolineato che parlare di Via Francigena equivale ad un viaggio nel tempo e nel futuro. Carpenella definisce questo progetto un sogno custodito nella mente con lo scopo ultimo di renderlo concreto.

Sostenendo come un tempo i pellegrini si sentivano onorati di percorrere questo viaggio sentendosi vicini alla misericordia di Dio, lo scopo di oggi è quello di far sentire i pellegrini moderni allo stesso modo vivendo questa occasione come momento d’incontro con l’altro e con se stesso.

IMG_6506Inoltre, Enzo Carpenella mette in evidenza anche l’importanza di crescita e sviluppo economico che porta la presenza della Francigena nel territorio, senza dimenticare come l’arrivo di turisti in questi luoghi risvegli nei cittadini un senso di orgoglio nell’appartenere a questi posti talvolta considerati “minori” donando loro nuovo risalto.

Per comprendere l’importanza del ruolo dei comuni della provincia di Roma nel valorizzare la Via Francigena, Enzo Carpenella ha invitato a parlare il sindaco di Formello S. Celestino in rappresentanza del Nord  e quello di Castel Gandolfo M. Monachesi, in rappresentanza del Sud.

Dopo aver apprezzato le parole dei relatori, il pubblico ha potuto godere della splendida rappresentazione delle attrici della Compagnia “I Passanti”, in collaborazione con l’Ass.”Dama”, che ritornando indietro nel tempo si sono calate nei panni delle antiche pellegrini raccontando storie ricche di emozioni. Al termine della serata ai presenti è stato offerto un buffet.

Ecce Vinum

Commenti

  Commenti: 1


  1. Bell’articolo di cronaca.
    Visto che erano presenti e non sono intervenuti al dibattito; il Presidente del Municipio e l’Assessore all’Ambiente hanno partecipato almeno al buffet?

Commenti