Territorio senza tutela. Ennesimo incendio nel campo nomadi “Casilino 900”

Ormai i vigili del fuoco non intervengono neanche se sollecitati più volte
riceviamo e pubblichiamo - 11 Novembre 2007

I cittadini del versante Casilino – Palmiro Togliatti non ne possono più, dicono BASTA la nostra salute è un diritto che nessuno può intaccare. Ancora oggi (10 novembre) l’ennesimo incendio nel campo nomadi “Casilino 900” di gomme e fili elettrici.
Chiamati i vigili del fuoco, alcuni cittadini sono scesi in strada in attesa dei vigili fuoco che non si sono presentati, hanno richiamato il 115 e si sono sentiti dire “ne abbiamo preso atto” stanchi di aspettare si sono recati personalmente alla sede dei Vigili del Fuoco sulla Tuscolana e con grande sorpresa si sono sentiti dire: ”abbiamo fatto un sopralluogo, stavano bruciando la plastica per ricavarne il rame, ma visto che l’incendio era circoscritto la legge glie lo consente”. Oltre alla grossa bugia perché non c’era stato nessun sopralluogo, ritengo più grave ciò che ha detto quel vigile che la bugia stessa.
Ma la cosa assurda che una cittadina (si sa le donne sono tignose) ha richiamato i vigili del fuoco al 115 e si è sentita dire: “che al momento non vi erano mezzi e che avrebbero mandato qualcuno appena possibile” la signora gli ha risposto dicendo: ”Veramente io mi trovo qui presso la vostra postazione di via Tuscolana e ci sono molti mezzi fermi, non capisco da dove dovete farli venire” la risposta è stata: ”ma lei cosa fa lì? perché e lì?”
 
Lascio a voi i commenti… risultato che ancora una volta i cittadini del versante Casilino – Palmiro Togliatti hanno respirato DIOSSINA chi dobbiamo ringraziare? Noi vogliamo solo tutelare la nostra salute e anche quella di quei tanti piccoli innocenti che per loro sfortuna vivono in quel campo.

Franco Pittigliani
Annamaria Addante


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti