Un turista francese picchia violentemente la bimba di 4 anni riducendola in fin di vita

E' successo la notte di sabato 19 luglio quando, in preda ad un raptus, l'uomo avrebbe ripetutamente sbattuto la testa della sua bambina contro l'Altare della Patria
Enzo Luciani - 21 Luglio 2008

I passanti che nella notte di sabato 19 luglio, intorno alle ore 23, si trovavano nei pressi dell’Altare della Patria a Roma, hanno assistito ad una scena agghiacciante. Julien Monnet, un francese di 37 anni, con problemi psichici che aveva perso, da poco, il lavoro, colto da un forte raptus ha picchiato violentemente la figlia di 4 anni, sbattendole ripetutamente la testa contro il marmo dell’Altare della Patria e riducendola in fin di vita.

Bloccato da alcuni passanti increduli e da una vigilessa, l’uomo, forse consapevole di ciò che aveva appena fatto, ha iniziato a sbattere lui stesso la testa sul marmo procurandosi delle ferite. E’ stato bloccato definitivamente dai carabinieri del vicino comando di piazza Venezia. Dopo essere stato medicato al Fatebenefratelli è stato condotto al centro clinico del carcere di Regina Coeli ed è sotto effetto di sedativi. Nel corso della notte avrebbe tentato di farsi del male con azioni autolesioniste.

La bambina ricoverata all’ospedale Bambino Gesù con un forte trauma cranico ha subito un intervento chirurgico ma bisognerà, ancora, attendere per capire se ha subito danni celebrali. L’uomo era giunto con la figlia a Roma venerdì 18, all’insaputa dei parenti e della madre che, in vacanza in Turchia, informata della notizia, è partita immediatamente per raggiungere la bambina a Roma.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti