Categorie: Sanità
Municipi: ,

37° Congresso Medicina estetica della Sime

Bartoletti: medicina estetica, disciplina che coniuga bellezza e benessere psico-fisico

Lunedì 16 maggio, si è concluso a Roma il 37° congresso Sime (Società Italiana Medicina Estetica). Nei tre giorni congressuali si sono registrati oltre 2500 partecipanti e consegnati 460 abstract di relatori provenienti da 20 paesi non solo europei.

Molte i temi trattati: biostimolazione con sostanze esogene (acido ialuronico e PDRN). biostimolazione autologa (cellule staminali derivate da grasso e plasma arricchito in piastrine) e le ultime novità quali i nuovi filler: agarosio, in alternativa all’acido ialuronico, e collagene nella biostimolazione, pratica che fino ad oggi è stata fatta solo con acido ialuronico.

Il presidente Sime, Emanuele Bartoletti, in apertura del congresso ha dichiarato: “Il nostro congresso è l’occasione che abbiamo per incontrarci e confrontarci per un arricchimento professionale mirato proprio alla salute dei nostri pazienti…intento di questa campagna: fare conoscere la medicina estetica per quello che è veramente. Una disciplina che coniuga bellezza e benessere psico-fisico”.

imagesLa Sime ha inoltre presentato un Decalogo, indicazioni per un approccio corretto alla medicina estetica, 10 regole utili per la prevenzione e capaci di offrire risultati per una medicina estetica più corretta e sicura possibile.
Verità è Bellezza è stato il tema portante del congresso Sime di quest’anno. “Attraverso il ‘Decalogo per conoscere la medicina estetica’ – spiega Emanuele Bartoletti – io e gli altri componenti del consiglio direttivo abbiamo voluto comunicare direttamente con i nostri pazienti. Cosa essi debbano aspettarsi da noi. La Verità sulla loro bellezza…una verità basata sulle evidenze scientifiche”.

L’Istituto dell’Ambulatorio di Medicina Estetica dell’Ospedale Fatebenefratelli – la Sime ha anche costituito all’Isola Tiberina di Roma un ambulatorio per le complicanze da filler. Nell’ambito della struttura ambulatoriale il paziente viene valutato dal punto di vista clinico, con esame ecografico del derma. I pazienti che presentano complicanze da filler vengono trattati con terapia specifica, farmacologica e/o chirurgica, fino alla risoluzione del caso.

In conclusione, ricordando le parole di Carlo Alberto Bartoletti, fondatore della SIME: “La Medicina Estetica realizza un programma di medicina sociale, preventiva, curativa e riabilitativa al servizio della collettività. Il suo scopo ultimo è la costruzione e la ricostruzione dell’equilibrio psicofisico”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati