6 gennaio arriva la Befana ecologista

L'invito del Movimento Ecologista Ecoitaliasolidale
Vincenzo Luciani - 5 Gennaio 2023

“La tradizionale vecchina ecologista che preferisce viaggiare trasportata su una scopa piuttosto che inquinare l’ambiente, tanto cara ai bambini per i doni che lascia sotto la cappa delle case, può diffondere anche un messaggio di sensibilità’ ambientale ai più giovani”.

È l’invito che lancia Piergiorgio Benvenuti, Presidente del Movimento Ecologista, Ecoitaliasolidale.

“Invitiamo pertanto i genitori a diffondere attraverso la festa della Befana la nostra iniziativa ”Difendiamo l’ecosistema giocando” utilizzando il più possibile giocattoli con prodotti che si trovano in natura come il legno  o comunque materiali di recupero e che si possono riciclare, senza diventare immediatamente rifiuto. L’invito è’ di regalare   giochi o videogiochi progettati per insegnare la difesa della natura, l’ambiente e la salvaguardia degli animali che rischiano l’estinzione o il facile abbandono in strada. Mettendo al bando ogni gioco violento o composto da materiale non conforme alle leggi vigenti che in alcuni casi può risultare pericoloso o nocivo per la salute dei bambini. Utilizzando sempre meno giochi con enormi imballaggi, considerando come la produzione di RSU (Rifiuti Solidi Urbani) in Italia è valutata più di 30 milioni di tonnellate l’anno,  di questi, oltre un terzo in peso e la metà in volume, sono costituiti da imballaggi. Incartiamo poi i regali con semplice carta riciclata che  si produce dai maceri di carta  già usata anziché dalla cellulosa delle piante, senza quindi comportare l’abbattimento di altri alberi”.

“La nostra iniziativa ha duplici aspetti, di sicurezza, di legalità, a difesa dell’ambiente e contribuisce a diffondere la cultura e l’educazione ambientale soprattutto fra i giovanissimi che sono fortemente attratti dai simboli delle festività   e che  attendendo il 6 gennaio,   nella giornata dell’Epifania,  i doni che verranno portati dalla tradizionale Befana”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti