A Roma da gennaio rimosse da Ama 3.800 tonnellate di ingombranti abbandonati su strada

Zaghis: “Atti di inciviltà intollerabili che deturpano i quartieri e rendono necessari onerosi interventi supplementari”
Redazione - 10 Novembre 2020

Da inizio 2020 ad oggi le squadre dedicate predisposte da AMA hanno effettuato oltre 45mila interventi  rimuovendo 3.800 tonnellate di materiali ingombranti scaricati illegalmente su suolo pubblico.

Nel solo mese di ottobre sono state raccolte oltre 500 tonnellate di rifiuti abbandonati: 160 tonnellate in più rispetto allo scorso agosto e 65 tonnellate in più rispetto a settembre di quest’anno, ma anche 110 in più, con un incremento di circa il 25%, rispetto allo stesso mese di ottobre del 2019.

Lo comunica AMA S.p.A. in una nota.

Farmacia Federico consegna medicine

Tra i materiali che sono stati abbandonati con maggiore frequenza tra gennaio e ottobre 2020: oltre 3.150 tonnellate di “classici” ingombranti (mobili, materassi, divani, eccetera), 250 tonnellate di frigoriferi, 250 tonnellate di apparecchiature elettriche varie, 90 tonnellate di televisori e monitor vari, 50 tonnellate di penumatici.

Particolarmente investiti in questi mesi dagli scarichi abusivi i municipi del quadrante est della città, nello specifico il V (490 tonnellate), il VI (450 tonnellate) e il VII (314 tonnellate). Seguono poi il l’XI municipio (337 tonnellate), il IV (268 tonnellate), l’VIII (264 tonnellate), il XIV (263 tonnellate) e il X (260 tonnellate).

“La battaglia contro svuota cantine “professionisti” e incivili che perseverano nello scambiare Roma per una discarica continua purtroppo ad impegnarci quotidianamente – sottolinea l’amministratore unico di AMA Stefano Zaghis Gli ultimi dati ci dicono che anche rispetto a mesi post-lockdown come giugno e luglio, in cui si  registrava una media mensile di 440 tonnellate di materiali abbandonati e rimossi su strada, il fenomeno è andato ulteriormente crescendo costringendoci a mettere in campo sforzi ulteriori. Questi atti di inciviltà non sono tollerabili perché, come più volte ribadito, deturpano il decoro dei quartieri e comportano impegnativi ed onerosi interventi supplementari”.

AMA ricorda che l’abbandono di rifiuti particolari ed ingombranti su suolo pubblico costituisce una violazione al “Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani” sanzionabile con multe fino a 500 euro.

Per smaltire gratuitamente e in modo corretto questi materiali, l’azienda mette a disposizione i propri Centri di Raccolta (indirizzi e orari sono consultabili sul sito www.amaroma.it) e il servizio “Riciclacasa” di ritiro a domicilio al piano strada fino a 2 metri cubi di volume che può essere prenotato tramite il ChiamaRoma 060606 oppure compilando l’apposito modulo di richiesta nella sezione Servizi on-line del sito.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti