No alla “Bossi-Fini”, ma… – Renzi contro l’amnistia – I funerali e la sepoltura di Priebke

Fatti e misfatti di ottobre 2013
Mario Relandini - 13 Ottobre 2013

No alla “Bossi-Fini”, ma…

“La “Bossi-Fini” – ha dichiarato chiaramente il “premier” Enrico Letta a Mestre – va abolita”.

Magari giusto. E non solo umanamente. La “Bossi-Fini”, però, andrebbe allora sostituita, per dire, da una “Epifani-Vendola” che prevedesse sì la solidale accoglienza dei disperati i quali sbarcano lungo le nostre coste,ma anche e soprattutto la concreta e sicura possibilità, finché loro lo vorranno, di sostare in un alloggio civile, di avere un lavoro civile, un’assistenza sanitaria civile, una istruzione civile per i loro figli. Ciò che, purtroppo, sta mancando sempre più a tanti cittadini italiani. Ma questo è. Il resto è chiacchiera. E’ strumentalismo cinico. E’ solidarietà pelosa.

Erich Priebke

Erich Priebke

Renzi contro l’amnistia

“Io – ha detto, lanciando a Bari la sua candidatura a segretario del Pd, Matteo Renzi – sono contrario all’amnistia proposta dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano”.

Sono molti, in verità, ad essere contrari ad una possibile prossima amnistia. Ma, forse, Matteo Renzi il furbo se ne è dichiarato contrario proprio per questo. Per accattivarsi, cioè, il consenso anche di costoro. Salvo poi decidere davvero se e quando dovesse sfondare come nuovo segretario del Pd. Ma già saranno altri tempi. E, poi, chissà quali altri tempi.

I funerali e la sepoltura di Priebke

Adotta Abitare A

“Sono pronto a celebrare i funerali dell’ex generale tedesco Erich Priebke – ha fatto sapere il suo legale, Paolo Giachini – in forma totalmente privata anche in strada”.

Ma, poiché in strada sarebbe impossibile la forma totalmente privata, un suggerimento al legale dell’ex generale tedesco Erich Priebke il quale, poi, sarebbe il “boia delle Fosse Ardeatine”: cerchi una cava e li celebri lì. Quanto invece alla sepoltura, sarebbe bene non insistesse, almeno per buongusto, con la città di Roma. La bara del “boia” potrebbe essere sepolta d’altra parte, più logicamente e più coerentemente, nella città di Hennigsdorf, che gli ha dato i natali, o nel cimitero tedesco di Pomezia, dove si trovano già numerosi connazionali caduti nell’ultima guerra, molti dei quali protagonisti, a loro volta, di orrende stragi di civili.


Commenti

  Commenti: 1


  1. Veramente interessante questo sito. I commenti sono tutti azzeccati. Complimenti

Commenti