CdQ Torre Spaccata: Perché l’Ater non ci riceve e non risponde alle nostre domande?

Lo chiede il CdQ Torre Spaccata a proposito dell'area di viale Togliatti 500
Comunicato stampa - 9 Novembre 2009

"Perché ATER-Roma non ci riceve e non risponde alle nostre domande?

Il Comitato di Quartiere di Torre Spaccata ha chiesto in più occasioni (10/9/09, 11/9/09, 5/10/09) un incontro urgente con ATER Roma per avere informazioni sul provvedimento di assegnazione alla Cooperativa ZOE dell’area di proprietà ATER in prossimità di viale Palmiro Togliatti di Roma (quartiere Torre Spaccata) . Fino ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta ufficiale!

L’area in questione, secondo il vigente PRG, è destinata a verde pubblico e servizi pubblici di livello locale, in particolare per la realizzazione di impianti sportivi per un massimo di 2574 mq di edificazione. I cittadini di Torre Spaccata vogliono ribadire quanto già espresso, da diversi anni, alle amministrazioni comunali e municipali, ovvero realizzare un progetto di sistemazione e di valorizzazione dell’area e del compresorio limitrofo che darebbe un volto nuovo al quartiere. Oltre al Casilino 900 e gli autodemolitori, posti proprio sul lato opposto di viale Togliatti, i cittadini di Torre Spaccata non intendono rimanere impassibili davanti a eventuali destinazioni improprie di tale area. Per questo motivo, al fine di tutelare i diritti dei cittadini di Torre Spaccata, avremmo gradito un confronto chiaro e diretto con il Presidente e il CdA dell’Ater–Roma.

In questi giorni abbiamo avuto la conferma che il 14 settembre 2009 l’ATER ha deliberato la volontà di assegnare la gestione del suddetto terreno alla Cooperativa Zoe, Cooperativa sociale dedita all’inserimento/reinserimento sociale per le persone svantaggiate ai sensi della L. 381/91.
Ricordiamo, inoltre, che nel mese di ottobre 2008 tale area era stata occupata abusivamente e nella stessa era stata realizzato un manufatto in legno (vedi foto allegata) senza alcuna autorizzazione amministrativa. Lo scorso anno, il 14 ottobre 2008, grazie alla nostra segnalazione con la quale denunciavamo il degrado dell’area trasformata in discarica abusiva e la successiva costruzione di una casetta in legno (sorta in meno di 24 ore), i Vigili Urbani del Municipio VIII erano intervenuti procedendo al sequestro del manufatto applicando, quindi, tutti i provvedimenti del caso. A seguito del sopralluogo e del riscontro fatto dai Vigili, l’Ater, chiese agli occupanti di liberare prontamente l’area.

Risulta, inoltre, che l’area Ater di viale Togliatti-Casilina già dal 2002 è interessata da un provvedimento di assegnazione ad una cooperativa. Premesso tutto ciò, il Comitato di Quartiere chiede: come mai, volendo l’ATER procedere all’affidamento dell’area in questione al fine della realizzazione e gestione di verde pubblico e impianti sportivi pubblici, non abbia con questo raggiunto un preventivo accordo con il Comune di Roma per la definizione di uno specifico piano di realizzazione e gestione da affidare dietro gara di evidenza pubblica cui permettere di partecipare tutti i terzi interessati?

L’ATER è a conoscenza del degrado attualmente esistente nella zona? Autodemolitori, Casilino 900, Prostituzione .

Per quale motivo l’ATER non ha pubblicizzato o emanato un bando specifico per “mettere a concorso” l’assegnazione dell’area dando la possibilità di far partecipare anche altri cittadini e/o associazioni?

Quale sono le motivazioni per le quali l’area è stata assegnata alla Cooperativa Zoe con un contratto di locazione di 6 anni, e come canone è stato preso come riferimento un importo in euro del 2002?

Adotta Abitare A

Esiste un progetto o uno studio presentato dalla Cooperativa Zoe per l’utilizzo dell’area?

Chi, nell’ottobre 2008, aveva occupato l’area e con quali presupposti?

Per quanto sopra detto si ribadisce nuovamente la richiesta di soprassedere su eventuali decisioni già intraprese e convocare un incontro congiunto con Cittadini, Amministrazione Comunale, Amministrazione Municipale per trovare una soluzione condivisa sulla sorte dell’area ATER.  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti