Celli-Stampete: dialogo con i cittadini per rigenerazione e risanamento, ripartendo dall’Autorecupero

“Rigenerazione urbana e recupero delle zone ex abusive” è il tema dell’incontro pubblico che si è tenuto in Aula Giulio Cesare in Campidoglio e promosso dalla Presidenza dell’Assemblea capitolina.
Sono intervenuti la presidente dell’Assemblea capitolina Svetlana Celli, l’assessore all’Urbanistica Maurizio Veloccia, il presidente Commissione Lavori pubblici Antonio Stampete, il presidente Commissione Urbanistica Tommaso Amodeo, il capogruppo FdI Giovanni Quarzo, il deputato del Partito Democratico Roberto Morassut e il senatore di Fratelli d’Italia Andrea De Priamo. Presenti cittadini, comitati e associazioni.
“È importante riavviare il confronto tra amministrazione e cittadini che è stato il vero protagonista del cambiamento e del miglioramento della qualità della vita di migliaia di famiglie della periferia romana. L’obiettivo è proseguire e completare l’opera di rigenerazione e risanamento, ridando fiducia ai cittadini che devono riprendere a progettare insieme ai consorzi il destino dei loro quartieri. L’Autorecupero non solo è stato un modo alternativo per realizzare opere pubbliche, ma anche uno strumento di dialogo e partecipazione che ha consentito un continuo rapporto con i residenti delle periferie. E’ dunque un’esperienza che va recuperata, attualizzata e potenziata e che deve diventare patrimonio comune dell’intera Assemblea capitolina. In particolare, l’attenzione va sulle opere a scomputo e la redazione dei piani di recupero urbano, i “toponimi”. La nostra amministrazione si sta muovendo in tale direzione e, grazie all’impegno dell’Assessore Veloccia, abbiamo approvato in Aula i toponimi di Fosso San Giuliano e di Colli della Valentina, mentre è stato presentato ai cittadini del Municipio XIV quello di Cerquette Grandi”, affermano la presidente dell’Assemblea capitolina Svetlana Celli e il consigliere capitolino e presidente della commissione Lavori pubblici Antonio Stampete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati